RESOCONTO - Viareggio 2012


Finalmente abbiamo ricominciato!!!!!! Sabato 18 e domenica 19 febbraio 1° appuntamento con il TTN 2012 a Viareggio e Noi non potevamo mancare. Purtroppo la concomitanza con il pranzo sociale tanto attesa e rinviato più volte ci ha costretto a fare una scelta e..... il richiamo alla moto e la voglia di rivedere i compagni di tante belle giornate è stato più forte.

Ammetto che guardando le previsioni  la tentazione di trascorrere una tranquilla Domenica tra amici davanti ad un bicchiere di vino è stata forte ma altrettanto forte era la voglia di cominciare l'avventura del  TTN e quindi siamo partiti sabato mattina per Viareggio.

Considerando che la Versilia è sulla strada per Torino l'uso del navigatore è stato del tutto inutile anzi a dire il vero il prezioso, in altre occasioni, strumento è stato lasciato a casa. Percorso tranquillo con un pallido sole, qualche nuvola, qualche goccia di pioggia e un certo fresco, ovvero minima 4 gradi massima 11, che ha fatto apprezzare molto maglietta termica, mutandoni e sotto pantaloni, felpa, sotto casco ed altri indumenti decisamente invernali.

Unico neo i movimenti un tantino impacciati da pinguini gelati e soprattutto la salita e discesa dalla moto che per due "giganti" come noi ha creato qualche difficoltà. Per inciso il collaudo dei nuovi guanti della zavorrina, acquistati con sconto (che non guasta mai) nel negozio convenzionata Scoordinati, è stato senza dubbio positivo. Visto il costo e la casa costruttrice non avevamo dubbi sulla qualità e il collaudo ha dato conferma.

Per il resto traffico quasi inesistente e solita rottura: l'osservanza dei limiti di velocità e attenzione ad autovelox (due) e controlli di solerti pattuglie di polizia stradale (due) dotate di rilevatori. Arrivo alle 12.45 e dopo iscrizione una rapida corsa in albergo per scaricare bagagli e ritorno al punto di partenza per il giro alla cittadella del carnevale per visitare il luogo dove nascono i famosi carri del carnevale. Prima piacevole sorpresa l'incontro con gli amici della Valle d'Agri ovvero la famiglia Varallo al completo e l'incontro con Mario del Moto Club Il Bruco per il resto la delusione legata all'assenza di molti altri amici: pazienza l'incontro sarà per la prossima volta.

In ogni caso la visita ha permesso di apprezzare il lavoro di autentici maestri della cartapesta ed è stato impressionante vedere da vicino i carri allegorici ma soprattutto sentire come nascono questi enormi capolavori di carta, ferro e resina. La visita è proseguita al museo del carnevale in cui è racchiusa la storia di questa manifestazione che ha fatto di Viareggio un'attrazione internazionale non solo per le spiagge e per i locali notturni.

Rientro e possibilità di visitare la raccolta di manifesti del Carnevale e comprare l'annullo filatelico dedicato unitamente a cartoline molto particolari debitamente timbrate per l'occasione. A seguire uno spettacolo musicale con un complesso anni 70 e una apprezzata e molto gradita, da tutti i presenti, esibizione di spogliarello ovvero di burlesque per dirla in termini moderni. Per la serata il programma prevedeva la possibilità di recarsi nella zona del Porto e assistere (come da programma) all'esibizione di bande e complessi musicali cosa che abbiamo fatto con molto piacere per scoprire che purtroppo il Moto Club non aveva convenzionato nessun locale dove poter rifocillare le stanche membra dei viandanti a due ruote e quindi è stato necessario ricorrere al fai da te.

Certo nella zona vi sono decine di locali peccato che tutta Viareggio e qualche migliaio di turisti, motociclisti compresi, si erano concentrati nella vie e piazzette del posto con la conseguenza che prima di trovare un locale in cui consumare il frugale pasto (si fa per dire con la fame che ci siamo ritrovati) abbiamo girovagato per una mezz'ora abbondante. Certamente ci saremmo potuti  accontentare di un panino con porchetta e salumi vari, patatine fritte crepes e bomboloni ripieni di cioccolato creme e marmellate ma nulla a che vedere con antipasti di pesce e non, un bel piatto di spaghetti, caciucco, carne varia, frittura di pesce, polipo, dolci di vario genere e una buona bottiglia di Falanghina il tutto, equamente diviso con gli amici per la modica (si fa per dire) spesa di € 35,00 a testa.

L'uscita del locale ci ha riservato la sorpresa di ritrovarci nel bel mezzo del carnevale circondati da maschere di ogni genere e tipo dal fai da te molto originale del computer mobile, all'astronauta, cardinali preti e suore di ogni ordine, al water a due gambe, al branco di cani danesi, all'intera famiglia dei Puffi, alla finta troupe televisiva con tanto di telecamera, giornalista microfono, tecnico delle luci, fonico per arrivare alle streghe e fatine di ogni genere e colore: un vero carnevale di maschere e colori. Ovviamente i locali e banchetti del luogo distribuivano oltre e crepes e bomboloni fiumi di birra e ottimo e tonificante vin brulée: facile immaginare il caos.

Probabilmente considerato che il tutto si è svolto sui moli della darsena facile prevedere che nella serata qualcuno avrebbe fatto un bagno fuori stagione cosa avvenuta nelle passate edizioni del carnevale. La Domenica purtroppo ci ha riservato una brutta sorpresa ovvero pioggia a secchiate intervallata con qualche breve interruzione. Purtroppo a risentirne è stata la partecipazione al Motoraduno che di solito vede la presenza alla domenica del grosso dei motociclisti.

Il risultato è stato che in totale il motoraduno ha registrato 120 presenze; un vero peccato perché nonostante qualche carenza organizzativa gli sforzi del moto club organizzatore meritavano senza dubbio una maggiore presenza così come lo spettacolo del Carnevale. Purtroppo la tanto attesa sfilata caratteristica della manifestazione carnevalesca è stata ridimensionata a semplice passaggio sul lungomare e nonostante la pioggia è stato comunque uno spettacolo vedere le decine di enormi carri transitare anche senza le centinaia di persone in maschera  che avrebbero dovuto completare la scenografia dei carri stessi.

Per la cronaca viste le poche presenze come Moto Club Scoordinati siamo risultati 5° a pari merito con altri tre Motoclub con i soliti due punti ma per il regolamento che considera anche la priorità di iscrizione siamo 6°. Una consolazione però nei premi speciali a discrezione del Moto Club organizzatore in cui la mia zavorrina è stata premiata come passeggera fuori regione: è la prima volta che avviene per cui bella sorpresa.

Per il resto il rientro ha riservato una allegra pioggia per i primi 50 Km, poi un pallido ma freddo sole (11 gradi con minime a 9) e quando sembrava di poter arrivare a casa asciutto da Civitavecchia altra pioggia, a tratti anche battente, sino a Roma. Un discreto inizio in attesa di tempi, inteso come clima, migliori sperando che per il prossimo appuntamento a Boretto (Reggio Emilia) a fine marzo il clima sia più favorevole.

Intanto primi due punti per il Moto Club e primi 700 KM!

a cura di Ottavio
(Socio Mc Scoordinati)