RESOCONTO - Sant'Angelo in Vado 2012

Nun è facile fà un resoconto pè uno come me, novellino, che era alla prima esperienza de ‘na botta de adrenalina, vino, risate, amicizia, e tutto quello che è stato portato a un livello artissimo.
Ho conosciuto tanta gente che reputavo a un modo e me la sò trovata in un artro. Ho visto perzone fa de le cose che me sò dovuto ciancicà l'occhi pè riuscì a rendeme conto si per davero fosse quello er soggetto che stavo a guardà! Ho vissuto l'emozzione de arivà a chilometri de distanza e dà ‘na pista ar seconno arivato in classifica pè la participazzione nummerica. Quindi, ner dettajio, sicuramente, ‘na cosa da rifà, magara colla capoccia un pochetto più libbera da tutti quei cazzo de penzieri che m'hanno accompagnato pè tutto er motoraduno.

Mentre quarcheduno già s'era avventurato addirittura dar venerdì (Ottavio e Claudio tra tutti), se semio visti er sabbato mattina davanti ar gabbiano, regolarmente in ritardo, la partenza infatti è avvenuta mezz'ora dopo quella prevista, ma probbabbirmente era stato tutto studiato a tavolino.

Solidea decide da venì da sola, accompagnata da quer paro de zinne che se aritrova, e viene in macchina, cosicche morti de noi, me compreso, sfruttamo la situazzione lassannojie de tutto e de più, chitara compresa. Come partimo, prima sosta. Sirvio cià un fastidio ar casco, nun semo manco arivati ar bivio de trevignano e già se semo perzi Peki, SV e Max, che ha deciso da restà in coda: visto che parte da solo, senza Eliducati, farà la scopa che nù scopa.

All'artezza de la cassiabbisse ciaripijeno, e dallà puntamo diretti verzo Nepi senza probblemi, Civitacastellana, eddallà entramo in autostrada a Majiano Sabbino, uscimo a Orte e prima tappa doppo er casello. Mò io nun me sò mai ritenuto troppo furbo, ma vedo Ziantogno e Stella che cò la moto passeno indove sta er telepass senza che la sbara se arzi. Che paraculi, ho penzato, e ho fatto la stessa cosa.

Ma no, a Ggì, io cell'ho er telepass, me riconoscheno la targa e lì pago. Questo certifica che m'ariverà la foto a casa praticamente, comunque fino a mò gnente! Davanti ar puntobblu scatta er primo probblema de piscia. Ce sta un arberello attaccato a la rete in parte coperto, e lì prima er dottor Pegnabranca, poi io e quarchedunartro aiutamo la crescita de un ber futuro ciuffone d'erba madido de umori de campo.

S'ariparte e doppo un po' de chilometri, chi pè un probblema de benza, chi de fame, chi de culorotto, se fermamio a un benzinaro cò un chioschetto all'ignorante che amo praticamente svotato de tutto quello che ciava. Poi tutti a sede sur bordo de la rete, come nun avrebbe potuto fa la mijiore commitiva de vecchiette in pellegrinaggio.

Aripartimo cò granne lentezza, se famio la E45 e poi... via, su pèli tornanti de Bocca Trabbaria, cò Nadia che strigneva er culo, un po' pè la scomodità un po' grazzie a la guida sicura der Giontellone, io che cercavo de aggredì le curve dall'arto de la mia guida sportiva come nun avrebbe potuto fa er mijior bimbetto de cinque anni, e tutti l'artri che, chi più, chi meno, che se sò spappolati a arampicasse scennenno ginocchio a tera e moto in derapata. Comunque, da ‘na ricerca effettuata, sembra che er culo più stretto, ner corzo de la salita, sia stato quello der Compare dietro ar Presidente. Guida sportiva, o timore del lungo pisello der capo? Toccherebbe da chiedelo a Eli...
Mentre salimo me sò divertito a guardamme, da dietro, la coppia Peki-Sv, che mentre lui guida gesticola in continuazione. L'interfono aiuta. Sarà pè quello che io nun ce lo vorei mette? Anzi ce lo metterei si ciavessi una che me la deve da dà, ma come ce casca VIA!!! Levare subbito!!!

La tappa ar passo cò le foto ricordo è d'obbligo, e poi tranquillamente giù fino a Sant'Angelo, indove semo arivati abbastanza presto. Dopo er classico acquisto de la tazza de la perdizzione, necessaria pè potè beve aggratise, e la reggistrazzione come tesserati FMI, inizziamo ad avvicinasse a li posti pè dormì: quarcheduno in arbergo e quarcheduno ar convento.

Ner convento la prima sorpresa è che le stanza a disposizione sò un po' piccolette. Dovremo strignese. La seconna sorpresa è che hanno da poco rasato tutti li muri, ma senza tojie er gesso da per tera, quindi come cammini a piedi scarzi automaticamente diventi componente de la tribbù de li piedibianchi. Sistemamo li materassini, preparamo li sacchi a pelo, mentre chi ve scrive se rende protagonista de una grandissima performanz: ho portato er materassino, ma er tappo sta a Roma. Provamio a annà a cercà un tappo de sughero!!!! Giustamente, nun se troveno in Sardegna, potemo trovalli qua? Nun cell'ha nisuno. E de plastica? Un cazzo. Cioè, nun ce volevo mette un cazzo de plastica, ma a la fine sia io che er poro Xandre semo arimasti senza materassino. Evvabbè. In una delle tre stanze trovamo Claudio, che cò amichi sua stava llà, si nun me sbajio, già da la sera prima, un po' come hanno fatto Ottavio e Andreina, però alloggiando da un'artra parte.

A quer punto prima se incontramo cor primo gruppo dell'arbergo e poi se parte de fraschette. E l'inizzio è scoppiettante, perché, pè chi riesce a pijalla, la brusca col lardo merita davero!!! Partimo bene e inizziamo er giro a piedi de le fraschette a la ricerca de quella in cui ce stanno le spojiarelliste, come da comunicazione ricevuta dall'esperti der gruppo. Manco p'er cazzo, quest'anno nun se spojia nisuna. A la fraschetta sotto casa nostra ce sta un gruppo che canta, ma ce stanno un paro de cessetti giovani, e de sicuro, visti li chili addosso, nun se spojieranno.

Arivamo a la seconda fraschetta e li se abballa. Sullo spiazzo là davanti ce sta uno in bicicletta che se arampica zompettando cò ‘na disinvoltura che mette imbarazzo, veramente un fenomeno. Ner frattempo anche qua mangiucchiamo quarcosa e bevicchiamo, ma er mejio ancora deve da arivà.

Terza fraschetta, quella vicina ar fiume Metauro. Lì er gruppo se riunisce completamente, lì danno le bruschette che pizzicano che te strappeno la lingua (otto alla fine, gnente male pè me), lì er vino rosso cavarca come Varenne ar Grand Prix D'Amerique, lì ce stanno le callaroste, Lì ER Presidente se fa sgamà mentre se frega un boccione, LI' ER COMPARE PARTE COME UN TRENO!!! Pè armeno sei ore me so aripetuto "mò crolla, mò crolla"... UN FENOMENO!! E' partito pè primo e ha retto pè tutta la sera, un po' ballando e un po' barcollando, strascinando lingua voce e pisello, ma rimanendo in piedi sempre e senza mai un cedimento!!

La terza fraschetta è stata quella che ha selezionato le perzone. Li quadratini de zucchero sotto spirito der DID hanno dato la botta finale, si anche ce ne fosse stato er bisogno pè quarcheduno... dopo de quella se semo perzi Maggilla, che quarcheduno ha visto rantolà ne le calli similvenezziane barcollando, quarcuno ne parlava come der medioevo, artri hanno cercato de annallo a riprenne senza trovallo... la mattina doppo è ripartito!!! Ner frattempo nun ze troveno più né Desmosandro né Grapin! A quarcuno è balenata l'idea che in preda all'arcool stessero a fa l'amore tra de loro drento la cammera der prete, e quarcuno ha rischiato l'infarto immagginandoli in posizioni da trapezisti. Mimmox protagonista, in ogni caso, cò un meravijioso paro de occhiali rossi che er mijior Ivan Grazziani nun avrebbe mai potuto indossà. Uno de li cappelletti der motoraduno nostro der balletto lo rendeva perzona interessante e da studià, e ho visto più vorte Superazzi guardallo con amore e redimese solamente dopo avè ridato ‘no sguardo a le boccione de la donna sua.

Communque la terza fraschetta è stata l'elemento de rottura de la serata. Dopo de quella sò partiti in tromba er terzetto Cicalino Piggiamino ErVacca, che se sò resi protagonisti de ‘na serie de performanz indimenticabili. Tutto sembra che sia legato, però, soprattutto a sti famosi zuccherini de Did. Doppo de quelli si anche quarcheduno stava a cercà de mantenesse sobbrio, ha abbandonato la retta via lanciannose su li meravijioso pascoli de la sbronza, più o meno lucidamente. QUINDI LA CORPA E' TUTTA DE DIDD!!!!

Ner frattempo er piccantone de le bruschette, lo scotta palato de le castagne, er rosso che scenneva ne le gole come la cascata de le Marmore ner Nera, che quarcheduno ha asserito che fossero meno forti dell'anno precedente, dominavano li labbroni de tutti, rendendo tutti un po' Lilligrubber.

A quer punto non senza difficoltà aricomminciamo a fa er giro inverzo, dopo essese riattaccati a tutti li convenuti Scoordinati. A la fine conteremo 52 presenze, de cui 42 tesserati reggistrati, UN RECORD, CAZZO!! Semo veramente un gruppo de quelli cò la g maiuscula.

Aritornati ne la piazzetta der biciclettaro scalatore, parte all'attacco Pesciombriaca. Becca ‘na fanciulla, la brandisce, e fa de tutto pè portassela via!!! Er primo penziero de tutti è stato: mò se la tromba su la pubblica piazza davanti a tutti, visto che le condizioni de possibilità ce staveno tutte, invece alla fine s'è limitata abbastanza, e amo finito a fasse tutti quanti ‘na megafoto de gruppo, una de le tantissime. Artro giro verso la piazza centrale e a quer punto aricominciamo a disseminasse in percorzi differenziati, tanto era lungo er serpentone de perzone da noi formato. Ma giunge er momento de la cena. Tutti ar tendone!

La strada pè arivà ar tendone indove se magna tutto sommato nun è tanta, ma stimola la diuresi, viste le quantità de liquido ingerite. A quer punto me sò sentito guasi in dovere de lancià, a quelli der gruppo presenti cò me, la sfida: chi nun piscia in compagnia o è un ladro o ‘na spia!. Su la curva della stradina bianca che portava ar ristorante, cinque, sei piselli in foriggioco, logicamente non indirizzati verzo la strada, come invece tutte le maiale scoordinate avrebbero voluto, hanno liberamente irrorato le piante sottostanti. A questo primo gruppo se ne sò aggiunti artri e poi artri. Er Metauro ringrazzia.

Arivamio ar tendone e, visto er nummero de perzone che amo portato, c'è stata riservata ‘na parte der mega tendone. A la spicciolata tutti li Scoordinati e quarcheduno che nu lo era ma che s'è aggregato ar gruppo volentieri, Bicce fra tutti, se metteno a sede e da lì parte quello che fino a quer momento s'era limmitato solo a pochissimi "mortaccitua": MEZZOLITRO! Nun se sa quello ched'è successo ar tavolo, cose inaudite. Amo magnato in quaranta secondi e bevuto pè un corrispettivo de cinquanta minuti praticamente. Amo inneggiato a tutti l'infortunati assenti, Sklero Tacchia, Pierevo, Dagnele e Riccardone su tutti, amo inneggiato a quer finocchio der Presidente, e me lo sò puro caricato su le spalle, mentre ner frattempo sempre er terzzetto aruvinato Cicalino Piggiamino Ervacca ne faceveno de tutti li colori.

A quer punto è accaduta ‘na cosa strana. Gira ‘n detto che fa, più o meno: frocio de culo, geloso de sicuro. Mò io nun me sò mai sentito così, ma un po' la percentuale de mano ar culo che me sò sentito, un po' perché ancora me rodeva tanto er culo pè la situazione lavorativa che poi s'è sistemata, un po' qua un po' llà, a la fine me sò rotto er cazzo e ho inizziato a minaccià che chi m'avesse arimesso le mano ar culo j'avrei strizzato li cojioni. Mò fatalità come ho finito da dillo, nun ariva Piggiamino e me la popo infila ner bucioderculo? Eggiallì si e no che sò riuscito a pijallo, me pijava p'er culo come Lorenzo cò Rossi quest'anno.

Allora che faccio? Come nell'occasione de Vallelunga, propongo la foto a culo nudo. Aderiscono in cinque, Pesciombriaca compresa. Uno, due e tre, giù li carzoni!!!! E lì, onore all'artista, er grande Piggiamino aspetta che stamio tutti colle chiappe all'aria pè passà corendo e in pieno stile Amici miei schiaffeggia er culo de tutti quanti!!! A quer punto ne fuoriesce una colluttazione in cui io e lui finimo ne la fanga, avrebbi voluto fajie na marmellata de lancojioni ma nun ce sò manco riuscito, lui troppo dinamico, io troppo vecchio e brillo.

Dopodechè, parte la musica. Bè, ce sta la musica... annamio in avanscoperta io Turan e quarchedunartro e da llì inizzia la parte danzante. Piano piano se aggregheno tutti, e tranne un momento in cui una panzambriaca sale sur parco e fa pè spojiasse, cò quello de la sicurezza che avrebbe voluto addobballo come un arbero de Natale, noi continuamo a ballà e a divertisse pè tutta la serata. Solo che Panzambriaca ha puntato le nostre donne... e qualcheduna nun sa come levasselo da li cojioni. E allora in accordo cò quer ber buciodeculo de yamahina, come quello se avvicina io me metto in mezzo. E una e due e tre, quello se fa rode er culo e me fa, mbriaco trevvortedeppiù der compare: ahò ma che cazzo vòi? Ma mentre lo dice barcolla così tanto che me viè da ride, e scoppia a ride pure lui. E lì pare che finisca
Ma mentre ballamo ecco la cosa che più de tutti fa effetto all'interno der gruppo:

Mentre dentro la sala tutti se divertono, Piggiamino, che aveva rosicato della pisciata all'aria aperta, pè nun esse seconno a nisuno che fa? Esce fori e, tre arberi vicino all'ingresso, je lassa un paro de boccatone de quelle spettacolari... vince er premio Vommito a Sant'Angelo 2012, anche perché a la fine, pè quello che me arisurta, arimane anche l'unico participante.

Da rammentà, durante la serata danzante, er siparietto che se fa Mezzoliltro colla bimbetta aggregata che cià fatto praticamente da Mascotte. Era 'n piacere vedelli, j'amo anche fatto er circoletto, che emozzione, che commozzione... vabbè.
Finisce la cena, finisce er ballo perché i due che faceveno musica dar vivo ad hoc inizziano a cambià er gennere musicale, e a quer punto se arimettemo tutti in marcia, na commitiva de ortre 35 perzone, verzo er viale principale de Sant'Angelo. Lì ce ‘sta un gruppo de giovanissimi che canteno dar vivo ‘na serie de canzoni dell'anni 70. ennò, eh, e qui tocca fermasse...

Via ariparteno le danze. Tra la gente mbriaca, quella che fa er trenino, quelli che arischieno da ammazzasse ner ballà a cavallo tra strada e marciapiede, me compreso, quelli che guardeno incuriositi e divertiti, sbuca fòra er Vacca, in preda a un attacco de protagonismo latitante. Dapprima se attacca a la balaustra der terazzino, quindi armeno a un metro de artezza rispetto a la massa, poi fa un po' de burlesque come si fosse ‘na zoccola in piena regola, e nonostante l'inviti anche da parte mia a lassà perde, nonostante le mano de Stella e de Turan tentino in tutti li modi de bloccà l'inizziativa maiala che se stava a prenne... lui aggisce. Se sbottona li carzoni, se arivorta de culo, e davanti a la strada gremita de gente se li tira completamente ggiù, mostrando ‘na splendida miss formata da boxer grigio fumo de londra e carzamajia nera!! Si anche a qualcheduna je fosse pè sbajio venuto lo sghiribizzo da trombasselo, in quer momento la libbido j'è diventata come quella de Sor Paola e s'è abbruciato tutte le scianz!!

Dopodechè, guasi invidioso de uno mbriaco come na cucuzza che ballava a torso nudo, giunge er momento der Compare. Er quale prima se sbottona la cammicia e poi se lancia in un ballo a metà tra er sartarello, la danza de la pioggia e l'hare krishna. Ogni vorta che se mòve pare che debba annà per tera pefforza, così stranamente dinoccolato com'è, e invece regge perfettamente pè tutta la serata.
Ner frattempo, chissà pè quale motivo, forze perché me lo vonno buttà ar culo, ho fatto amicizzia cò un gruppo de marchigiani uno più mbriaco dell'artro. Tra loro ne spicca uno che continua a ripete una frase che sarà er corollario de la serata: EUIUA!!! EUIUA!!! EUIUA ER VINO!!!

In tutto questo tramestio, quarcheduno da la folla se risente der tipo de canzoni che la band propone. Lo scartro direttore der terzetto de miei coetanei che fa? Addita Did, cor meravijioso cappelletto Giamaicano condiviso cò Turan, e dice che è lui quello che le chiede. Mah!

Comunque, dopo na barca de risate e 'na marea de stanchezza data dar mischietto vino cibbo e ballo, quelli de la band chiudeno la serata. Giusto er tempo pè quarcheduno de pijasse ‘na crepe cò la Nutella, e s'aritorna verzo la piazza centrale, indove ce sta ancora un gruppetto che abballa, ma li locali sò chiusi e gira un drappello de cacabicchieri pè controllà che tutti abbiano serrato e cacciato tutti. A quer punto semo in tanti che nun ciamo sonno, e ognuno decide de trovà un modo pè vincelo. Io me vado a fà ‘na passeggiata ne la speranza da trovà quarcosa da magnà, Xandre Grapin e Geko conoscheno un paro de bolognesi (ommini) che stanno come noi drento ar convento e se fanno amabbili chiacchierate de fronte a ‘na caterva de mariuana, ascisce e tutto quello ched'era possibbile.

Comunque er gruppo fumo e vino fa sì che, de fronte a 'na battuta che pareva tranquilla, Geko sbrocca. E pare popo che vojia mette le mano addosso a uno de sti due de Bologna. Io, Diego e Andrea cercamo de fallo raggionà, ma pè un periodo de armeno ‘na trentina de secondi er cervello der doppiatore de Sandra Milo cià un rallentamento, poi piano piano je ariprenne a annà come ar solito. Ahahahahahahhaha mica l'avo mai visto così, nun avete idea quant'era ignorante, cazzo!!! Da mettecese paura!.
Tra na cosa e l'artra, decidemo de annassene a dormì.

Mimmox, probbabbbirmente abbituato a dormì poco, nun sente letteralmente un cazzo. Macchese e Desmo se riccommanneno a Mezzolitro da cercà de nun russà. Lallo e Lalla, sempre splendidi, stanno boni boni in un angolino. Li spazzi sò angusti ne la stanza centrale, e io e Xandre stamio per tera, sur materassino mio, ma sempre quello senza tappo. Prima de annà a dormì, mezzolitro, che in quer frangente è stato nominato sedici litri, lassa li stivali in mezzo. Ennò, a Mezzolì, valli a mette ar bagno come tutti!! Je fa er Presidente. E lui giustamente je dà retta, pur bofonchiando.

La notte passa abbastanza dolcemente tranne la scomodità, armeno pè me, ma come me svejio ecco mezzolitro che inizzia a sbraità: indove cazzo stanno li stivali mia?? A mezzolì, stanno ar cesso, cell'hai messi tu! Ma che ccazzo state a dì, limortaccci vostra? Ndò cazzo me l'ate messi, che io nun me ricordo de avelli messi ar cesso!!!

Nù je la poteva fa... alla fine s'è convinto, è ito ar cesso, e lì l'ha trovati, mentre chi più chi meno se stavamo tutti a crepasse da le risate.
Ner frattempo me svejio 'n pochetto incartapecorito, visto che avo lottato pè tutta la notte pè trovà 'na posizione meno scommoda possibbile, e je faccio a Xandre: Ahò, communque io t'ho sentito che leggermente hai russato... Null'avessi mai detto!! ME VOLEVENO LINCIA'!!! Desmo, er Presidente, Stella, e chi più ne ha più ne metta... ma io ce lo sò, avrò anche russato, ma solo a causa della posizzione scommoda... e siccome p'er fatto che nun stavo commodo prima de annà a dormì avo manifestato l'intenzione, pè la prossima edizzione, de annammene a dormì in tenda, mai proposta fu accorta cò maggiore clamore e contentezza!!!!!

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAH
Anzi er presidente m'ha anche detto che er prossimo anno si vojio participà posso fallo solo in tenda e da solo, tanto si sto a aspettà Pescio LE SEGHE SE SPRECHENO!!!!
Dopo tutte ste storie la mattina dopo è più fatta da na serie de preparativi e de saluti, quarcuno che aripenza a quello che è successo la sera prima, quarcunartro nega clamorosamente, artri mancano popo all'appello!!! (Magilla)
Quindi se parte a scajioni. Un gruppo, me compreso, arimane ne la piazza de la statua pè prenne er premio, l'artri, pè motivi vari, se incamminano prima passanno pè Bocca Serriola. Quarcuno se va ad ammazzà de cioccolata a Perugia a Eurochocolat, quarcun artro invece se dirigge direttamente piano piano verso casa, come Ottavio e Andreina e tanti artri.

Ariva er momento de la premiazzione, una de le più tristi a cui abbia mai assistito. Pè i primi cinque minuti vengono chiamate armeno dieci perzone de vari gruppi E NUN CE STA MANCO UN RAPPRESENTANTE!!! In tutto sulla piazza saremo stati non più de na ventina. Ar momento cruciale, non prima de 'na clamorosissima scoreggiona de ladykiller che ha fatto indignà anche la faccia de la statua de Clemente su la piazza, sale sur parco quell'astemio de mezzolitro in rappresentanza de quanto amo bevuto come gruppo, foto ricordo, coppona, e pell'ennesima vorta semo li mejio. Semo in grado de presentà ufficiarmente 42 tesserati (ma noi eravamo deppiù), più de chiunque. Er più vicino era un gruppo marchiggiano cò 21. Semo troppo li mejio!!! Ma nun solo. Siccome tutti quelli ch'ereno partiti aveveno lassato li bijietti de la lotteria, HA DA VEDE QUANTA ROBBA CHE SE SEMO INZACCHERATIIIII!!!! Nun c'è gnente da fa, scoordinati de nome e de capoccia, ma veramente eccezzionali in ogni frangente.

Nun me ricordo più un cazzo der resto, tranne che noi der gruppo urtimo a ritorno amo rifatto Bocca Trabbaria, giusto er tempo de vede uno che in discesa s'è addobbato rischianno de annà giù ner burone. Io, co la chitara a tracolla, rallentavo er gruppo in un modo spaventoso, quindi na vorta sulla E45 ho detto all'artri: ragazzi, annate pure avanti, tanto nun faccio l'autostrada, nun me state ad aspettà. Vabbè, la risposta de Diego, se fermamo ar prossimo autogrill, se salutamo e poi partimo. Occhei!!!
Nun c'è gnente da fa, sò troppo rincojionito. Ho inizziato a viaggià cò li penzieri mia, che ar tempo erano belli carichi de preoccupazzioni lavorative, e quanno me sò destato dai penzieri l'autogrillo era bello che superato... dietro a me Kawadenti, che m'ha accompagnato fino a un punto e poi s'è diretto verzo l'autostrada.

Bè, che posso dì in conclusione? Ero esordiente e me sò divertito da morì, er prossimo anno ce rifaccio, cazzo!!!!

PS1 : pè chi nu lo sapesse, la tazza che se acquista all'arivo diventa na reliquia loggicamente... er compare cià puro dormito!!!!
PS2: Pè Sirvio, invece, che ha deciso de annà a Eurochocolat, c'è stata la punizzione divina!! SQUAQQUARELLA PE' TUTTO ER GIORNO DOPO!!!!
PS3: come so arivato a casa STAVAMO TUTTI ON LINE A CHIACCHIERA'!!! AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
PS4: ho aritrovato er tappo der materassino...

Alla prossima tazza!!


ARTICOLO
a cura di:
Poggiamorella (Socio Mc Scoordinati)