RESOCONTO - Noce in Chianti 2012

6° uscita TTS, 30 marzo - 1° aprile 2012


Fare un resoconto di un week-end del quale la maggior parte dei ricordi sono offuscati dalla quantità di alcool che ho ingerito Sabato sera, forse è un po' pretenzioso.... ma ci proviamo lo stesso visto che è tanto che non ne "compongo" uno!

Premetto da subito che, non fosse stato per le due disavventure capitate a Fonseca prima e Desmogatti poi, probabilmente si sarebbe potuto etichettare come "il fine settimana perfetto".

Qui apro solo una veloce parentesi personale: rivivere quasi le stesse brutte emozioni, nello "stesso" weekend, nello "stesso" posto, è stato quantomeno particolare per me.... i miei più grandi auguri a voi che non avete potuto proseguire nel viaggio, con la speranza di tornare a macinare presto km insieme! E a Desmogatti, con il quale ho un po' più di "confidenza": DAJEEEEEEEEE SAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!

Chiudendo la parentesi "seriosa" passiamo a quello che è stato puro divertimento e cazzeggio: dal lato motociclistico più di 700 km di curve e curvette disegnate appositamente su una cartina per noi da Max, al lato umano con una quarantina di pazzi uniti da una passione tanto grande quanto la voglia di stare insieme! Ecco qui che il passo per trascorrere due giorni fantastici è stato breve.

Partenza oserei dire PUNTUALEMENTE in RITARDO, anche a causa del Presidente che si ostina a minacciarmi di non fare tardi e poi come di consueto mi si presenta insieme a Betta 10 minuti dopo l'orario di appuntamento! E che je dici a uno così!? DIMETTITIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!

Piccoli ritardi a parte, ci siamo tutti e dopo esserci salutati e colazionati, si parte!!
Nel casco già metabolizzo lo stato di euforia generale che aleggia nel gruppo! E' veramente bello uscire in moto con questo spirito!

La tratta all'inizio prevede l'inevitabile cimina, strada che meglio di un'autostrada unisce ormai Anguillara Sabazia a qualunque destinazione si debba raggiungere. Qui partono i corsaioli: per sgranchire le gomme Superazzi, Rideslow, Grapin, Bamba e così via, si lanciano tra le curve dei monti Cimini (mentre leggete, starete pensando: s'è scordato Tore..... e qui preciso che parlavo dei corsaioli.... Tore era subito dietro!). I km procedono lungo la Cassia e con Max (Dimettitiiiiiiiiii) in testa e il buon Giggi che chiude (la preoccupazione di tutti ad avere Giggi dietro durante tutto il viaggio non è stata poca!!!!) fino al lago di Bolsena dove si dà il via alle danze e al tripudio di curve da pennellare!

Da qui mi sono gustato per un po' tutti studiando le varie guide: Marco CCRacing che fa sembrare un gioco da ragazzi sbattere un Hypermotard 1100 a destra e sinistra sfiorando ogni volta il ginocchio a terra, Alessandra che in scioltezza si districava col suo passo tra le migliaia di curve senza sembrare mai impicciata nonostante la sua sportivissima ninja, il Chiappa che guidava con nonchalance come se gli importasse solo anda' a mangia', zio Antonio che sembra un ragazzetto con la prima moto per quanto si percepisce di come si diverte mentre guida e porta con sé la fotografa ufficiale Stella, Pierfranco con le gomme nuove che se la guidava appresso a tutti pronto a dare gass, Ziotto che con la sua Ducati caciarona sembra dire andate dove ve pare e io vi vengo felice dietro, Bamba sulla nuova moto che finalmente mi piace un sacco, c'ha preso confidenza testando ogni tanto qualche piccolo monoruota, Massimetto che s'è goduto la sua R1 mentre faceva pensieri "strani" su un prossimo acquisto enduristico, Max che ha impostato la centralina (sua e non della moto) su Touring (Dimettitiiiiiiiiiiii) e se l'è pennellata in scioltezza con Betta dietro che seguiva divertita, Pescio che mentre guidava pensava al fioretto e a come mantenerlo, Tacchia che più passa il tempo e più diventa racing, Kawadenti che nella sua tranquillità si fa il passo suo e segue il gruppo senza troppi patemi d'animo, Turan che senza nemmeno pensarci a cosa sono i patemi d'animo guida con il pensiero che "tanto prima o poi arrivo pure io", e così via.... mo basta se no recensisco solo la guida e niente delle giornate passate insieme!

Quindi sosta pranzo, dove io, che non m'ero nemmeno posto il problema, ho mangiato degli ottimi panini e "panzerotti" che aveva appositamente preparato Toga (grazie ancora), insieme ad alcuni in una bella piazza di un paesino di cui non ricordo il nome, mentre altri si sono "rifugiati" in un ristorantino dove hanno deciso di testare la famigerata cucina toscana.

Giornata bella, sole stupendo, paesaggi magnifici, chiacchiere, tante risate e via.... si riparte dopo aver scoperto che mancano ancora 150 km!!!! Quasi mi prendeva a male dopo aver dato tutto nelle curve appena trascorse. Poco male di nuovo in sella e si riparte. Curve, spaventi, soccorsi, amicizia, serpentoni di moto, km, pensieri, ancora km, e aiutandoci a vicenda, staffettandoci agli incroci, arriviamo finalmente alle 20:30 all'agriturismo che ci aspettava alla località Noce in provincia di Siena.

Ormai è buio e siamo tutti stanchi, velocemente si formano le camere e ci si ritira per una doccia al volo e poi a mangiare!

Qui ci si immaginerebbe che dopo tutta la stanchezza della giornata ci siano facce pesanti e vogliose solo di andare a dormire...... MA DE CHE!!!! Qui inizia il cazzeggio quello vero.... il "doccia-time" è breve (per gli altri... io mi sono fatto mezz'ora di doccia che a momenti svengo) e nel salone adibito al nostro ristoro iniziano i cori di Brindisino e le prese per il..... ehm..... prese in giro a non finire! Giggi fa il padrone di casa, conoscendo lui la proprietaria dell'agriturismo, e dopo aver accolto Turan con una splendida serenata con tanto di chitarra, a tavola dà quel tocco di "colore" che segna il via alla libera espressione di noi tutti!

Pescio ormai non si tiene più, Alessandra inizia a bere Grapin incita brindisi a go go. Dove mi giro, c'è qualcuno che mi porge il bicchiere per brindare. Il bicchiere mio lo trovo sempre pieno. Dopo aver detto qualche cazzata la butto in caciara e lancio il brindisi io....... eccà-llà che manco arrivamo al dolce che già stò ‘mbriaco andante!

E quando c'hai la compagnia di Grapin, Er Compare, Max, Er Chiappa, che ti incitano a beve vino piuttosto che di' "facciamoci un bel bicchiere di acqua fresca e dissetante" che je dici de no!?

Da lì i miei ricordi si fanno molto evanescenti: c'era una chitarra che suonava... quella di Giggi se non sbaglio, c'era Giona che (ahimè) me leccava, c'era Pescio che s'abbracciava Alessandra, Toga che cantava e si faceva le foto con tutti, c'era Marco che rideva rideva e rideva ancora ma poi perché rideva non me lo ricordo, c'era un sacco di gente che cantava e si divertiva, c'erano le ciambellette di Riccardone, e ancora meglio ricordo che c'era pure il liquore al cioccolato di Riccardone, poi c'era Er Compare che mi portava la bottiglia di vin santo, poi i tozzetti che qualcuno mi imboccava ma non ricordo chi, c'era Cristina che stava sempre a ride pure lei, c'era Turan che cercava di mantenere un certo applomb nonostante ogni tanto si lasciasse andare in qualche sua "perla", c'era Superazzi che cantava (e questo è difficile scordarlo), c'era un bigliardino e io che insistevo nel voler giocare convinto di riuscire a distinguere la pallina dai giocatori, poi c'era la grappa ed era la mia, c'ero io che offrivo grappa a destra e manca, c'era Giona che accettava e ringraziava, c'era SilvioSV che se gustava la scena seduto a tavola, poi non lo so.... scusate ma non me ricordo più niente. So solo che a una certa ho deciso che ero finito e mi sono buttato su un letto....

La mattina dopo sembrava che m'avevano menato tutta la notte, però ero cosciente di essere stato veramente bene.... e quello mi bastava! Gli altri, chi più chi meno, mi sono sembrati tutti tranquilli e in buono stato.... evidentemente ero io che ancora non je stavo troppo bene.

Fatto sta che colazione, saluti all'agriturismo e si riparte per visitare un monastero prima e il loco ove è riposta la spada nella roccia poi. Lì panini e altre risate distesi su un prato e infine il rientro, chi per l'Aurelia, chi per la Cassia.

Quindi saluti e abbracci sinceri ci dividono per i km che ci porteranno di nuovo a casa, lasciandoci soli nel casco a ripensare alle mille risate fatte insieme, aspettando che si ripresenti la prossima occasione da ripassare insieme.
Grazie a tutti per le parole, le risate, le curve e la compagnia.... ma soprattutto grazie a Giggi che ha pensato ed organizzato quest'uscita.... uno Special Thanks poi a Max che ha permesso con il suo impegno la realizzazione di un simil Gruppo!!!! NON TI DIMETTEREEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ciao e scusate se non ho nominato proprio tutti tutti ma eravamo tanti e miei ricordi invece sono tutt'ora pochi!!

PS: aggiungo un ultimo pensiero personale per esprimervi tutta la mia gioia dovuta al fatto di aver avuto l'occasione di conoscere ancora meglio persone alle quali già volevo bene e alle quali ora ne voglio ancora di più.... ed inoltre di aver avuto la possibilità di conoscere nuove persone che da subito si sono fatte voler bene!!! Grazie ancora a tutti!!!

Un lampeggio
Cesco


ARTICOLO
a cura di:
Cesco (Socio Mc Scoordinati)

VIDEO NOCE IN CHIANTI 2012
a cura di:
Cicalino (Socio Mc Scoordinati)