RESOCONTO - Montopoli 2013

Ormai non mi stupisco più di niente, o meglio sono poche le cose che in questo Motoclub mi destano da stupore od incredulità. Mi trovo di nuovo in difficoltà nel descrivere ed esprimere l'ennesima fantastica, ma semplice, giornata Scoordinata dedicata alle motociclette. Una giornata in cui si è tornati finalmente a respirare l'aria delle uscite, l'aria dell'asfalto, l'aria dello stare insieme, la voglia di stare insieme.

Altro Motoraduno di San Valentino ed altro 1° Premio conquistato. Un Premio culinario (Prosciutto da 5 kg) da gustare sicuramente insieme alla prossima ricorrenza utile. E credo che tra breve organizzeremo un'altra bella sorpresina per i nostri Soci.

Ma lasciatemelo dire; la ventata di freschezza che questo Motoclub sta respirando in questi primi due mesi del 2013, lo dobbiamo sopratutto ai nuovi iscritti, senza nulla togliere ai vecchi che con la loro inestimabile presenza fortificano con fermezza il loro ruolo all'intenro di questà realtà Scoordinata. Ma rivolgendomi di nuovo alle nuove "leve", posso affermare che questi ragazzi hanno un cuore grande cosi (immaginatevi le braccia) alcuni di loro accollandosi anche 60 km per raggiungerci, e poi via verso la tappa di turno, per poi sciropparsi di nuovo i 60 km "defaticanti" verso la loro base. Davvero un bel esempio di Socio. Grandi e grazie di cuore.

La giornata è stata breve ma intensa, freddina ma goliardica, semplice ma fruttuosa. Altra dimostrazione regalata da questo Motoclub, con 31 Iscritti al Motoraduno di S. Valentino 2013, non male, davvero non affatto male. Ormai i Commissari FMI ci conoscono bene e credo non si stupiscano nemmeno più di tanto quando, in fase di iscrizione, assaliamo letteralmente il box FMI.

Una volta espletate le iscrizioni, e boicottato il giro turistico, ci siamo diretti verso il Ristorante per il pranzo (un pò distante devo ammettere dalla Location del Motoraduno....), ma in fin dei conti è stato cosi anche lo scorso anno.

Il pranzo, come sempre davvero delizioso, è stato seguito dalla riffa dove molti Scoordinati (me compreso), sono tornati a casa con regali incredibili....  nel vero senso della parola!

L'organizzazione del Motoraduno è stata, pur nella sua semplicità, molto ben svolta, tanto da meritare un 6 e mezzo di voto globale per accoglienza, pranzo e intrattenimenti vari.

Saluti, baci e foto di rito e po via verso casa, percorrendo la via Flaminia passando per Castel S. Elia, dove mi son fermato sotto casa di Fabiok sgassando come un matto per farlo uscire mentre il serpentone colorato Scoordinato passava lentamente e romboante. Peccato probabilmente non era in casa, "ma quanno te ricapitano 27 Moto Scoordinate sotto casa tuaaaaa!"

Chissà per quale strano arcano motivo, mentre tornavo con Smile a casa in solitaria (causa di forza maggiore), mi è venuto in mente Poggiamorella.... chissà.... forse mi è rimasta impressa l'immagine della mattinata in cui ci salutava appoggiato ad una automobile vestito da Peones, della serie una lacrima sul viso.... ah proposito perchè "non sei venuto?".

Vorrei chiudere questo mini - resoconto con una osservazione "on the road", in tanti anni di moto non ho mai visto, e ripeto mai, un rispetto reciproco, una solidarietà, una magnificenza di stili diversi ma nel contempo uguali nella velocità di percorrenza dell'intero tragitto, come quelle di oggi. Moto diverse, cilindrate diverse, conduttori diversi, stili diversi, eppure tutti uniti in un unico meraviglioso serpentone.

Alla faccia di chi:
"ahò io piego più dè tè!"
"Io c'ho la spalla più consumata!"
"Io c'ho la marmitta più marmitta!"
"Io invece c'ho la frizione a mescola nuclearizzata!"

Credo sia chiaro che discorsi del genere nel nostro Motoclub, se mai dovessero esserci, rimangono puri e meri discorsi della durata massima di 32 secondi. Perchè dal momento che accendi la moto e abbassi la visiera, sei consapevole che accanto a te, dietro di te, avanti a te, c'è uno Scoordinato in sella, meritevole di rispetto!

Grazie a tutti di cuore!


Resoconto a cura di:
Giovanni Yoyo Iodice