RESOCONTO - Monti Sibillini

Eccomi alla prima esperienza come resocontista!

Innanzitutto mi scuso se toppo qualche nome o Nick... ma sinceramente non riesco a memorizzarli e mi capita anche spesso di dover aprire la carta d'identita' per ricordarmi l'indirizzo dove abito...

La giornata personalmente era programmata che avevo altro impegno e avrei raggiunto il gruppo a Castelluccio... ma alle 9.15 mi arriva un sms che e' stato annullato altro impegno.. ho guardato l'orologio.. e mi sono detto.. "tanto stanno ancora li!" ed in effetti arrivo al Gabbiano alle 9.45 quando si erano appena accesi i motori... nonostante sull' evento era scritto "APPUNTAMENTO: Ore 8.45 al bar il Gabbiano, piazza del Molo, Anguillara Sabazia. Partenza ore 9.15 tassativa!" sapevo che chi l'aveva scritto era un BURLONE!

SI PARTE!
In puro stile Scoordinati iniziamo la solita colonnina di 21 motociclette avviandoci per la strada con sempre un ottimo servizio di staffette testa e scopa (che ormai tutte sanno la mia targa a memoria) che garantiscono sempre fluidita' e sicurezza della colonna mobile...

Lasciata l'autostrada ad Orte e fatto un breve pezzo della E45 iniziamo il primo assaggio di curve sulla Val Nerina che nonostante i vari autovelox ha sempre il suo fascino... Ci inerpichiamo poi per tornanti e curve con uno spettacolo mozzafiato fino ad arrivare a Castelluccio di Norcia a quota 1500 mt e si bivacca in uno stupendo scenario con alle spalle un Italia formata da decine di pini e con la base di questo spettacolo d'arte una vivacissima tavolozza di colori creata dalla fioritura di un bellissimo pezzo del Parco Nazionale.

Si e' sentita la mancanza di Stella, sostituita nel suo compito istituzionale da Cesco che ha fatto un egregio lavoro, ma diversi soci per colmare questo vuoto creatosi, hanno iniziato a chiamare l'endurista STELLA...

Dopo relax su prato e attendendo un caffe' che ci ha messo una vita ad arrivare (si iniziava a mormorare che Meletta & Co. Fossero scappati con la cassa creata appositamente per gli ammazza caffe' della sera!) ripartiamo sempre nella nostra colonna verso la destinazione finale a Campobonomo, sempre percorsi di montagna con curve faticose ma ricompensate dallo spettacolo della natura che ci e' stato offerto fino alla meta... Ignoti la sera prima sono andati e hanno interrotto un tratto di strada, al solo scopo di aumentare i chilometri validi per il TTS, e ci hanno costretto ad un paio di deviazioni, ma cio' non ci ha fermato verso la meta finale.

Giungiamo all' agriturismo "Le Casette" nella frazione di Fiastra, e veniamo accolti calorosamente dal gestore Fabrizio anche se qui ha messo a dura prova le capacita Logistiche-Cognitive di Turan perche' ci ha sparpagliato a dormire in 3 strutture diverse, e con elenco alla mano non e' stato proprio facile capire chi dormisse con chi e dove, oltre vari scambi, il tutto in un interminabile periodo di tempo intervallato dal gestore che ci accompagnava nelle camere e ce le illustrava come una guida storica ci avrebbe fatto visitare il museo del Louvre... 

Finalmente doccia e PAPPA!!! Ottimo menu' con fettuccine al Tartufo, carne e stupendo tiramisu' tutto fatto in casa con ingredienti prodotti nell'agriturismo stesso.. da notare che ½ Litro si e' messo a mangiare fuori dalla finestra perche' non sopportava odore del tartufo e evito di riportare a che odore l'abbia paragonato.

La serata continua in allegria in puro stile Scoordinato... e come sempre in questa uscita ho visto volti nuovi, ambientati senza problemi ed integrati nel gruppo, a tal punto che credevo fossero entrati prima di me ed invece sono neo soci. La caratteristica che distingue questo motoclub e' sempre un impronta che portera' avanti uno spirito d'amicizia a discapito di quale moto abbiamo, di quanto grattiamo le saponette, di quanto ci mettiamo ad arrivare e da dove proveniamo.. e' sempre un ambiente accogliente dove lasciamo chi siamo, lavoro, istruzione, esperienze e spesso famiglia a casa per portare ognuno con se il proprio zaino di esperienze ed emozioni per poterlo svuotare in un unico calderone dove si crea un minestrone di emozioni , esperienze e soprattutto amicizia da condividere con tutti.. se sei li' da 1 giorno o da una vita...

Di rilievo questa e' stata la prima uscita dopo un assenza di piu' di 1 anno di Desmogatti (Grazie Andrea Micio!!!) che pur di uscire con noi senza moto e postumo di incidente si e' preso il ruolo di zavorrino di Bombardino... e per l'allegria portata sinceramente c'e' da ringraziarlo...

Ci avviamo alle nanne... Tranne per Cavillo, Bombardino e Roberto che hanno avuto la sfortuna di dormire in stanza con ½ Litro che rientrato alle 3.30 del mattino (non ci e' dato sapere cosa abbia fatto dalle 1.30 alle 3.30 del mattino e probabilmente non lo sa neanche lui) ha iniziato a russare provocando rumori paragonabili a quelli di una desmosedici o di una gara di superbike e nonostante vani e numerosi tentativi di trovare una soluzione la mattina presto il molestatore notturno ha anche rischiato la vita quando si e' lamentato che gli dava fastidio una luce accesa! Complimenti per l'autocontrollo di bombardino e Roberto, anche se Cavillo gia' stava preparando l'arringa finale per la difesa di tentato omicidio!

Ciò ha comportato in Cavillo gravi ripercussioni per tutta la giornata... appena sceso dalla moto trovava una sedia, una macchina, una pianta un qualsiasi cosa dove appoggiarsi ed entrare in catalessi.. e' stato scambiato per barbone in piu' di un'occasione.. probabilmente ieri sera e' entrato in casa con tutta la moto e si e' infilato a letto...

La mattina inizia alle 9 con un ottima colazione e vari tentativi di riparare la gomma di Fuso... dove lui CREDE che si sia bucata, ma invece sempre i soliti IGNOTI gli hanno tagliato per evitare che con la sua GOPRO riprendesse i giri del giorno e quindi una volta pubblicati, ci avrebbe cazziato Gianni per la sicurezza sulla strada!

Tappa dopo pochi Km sul lago artificiale di Fiastra dove ci siamo fermati oltre che per cercare di risolvere il problema alla gomma di Fuso, abbiamo preso spunto per ammirare un bel paio di tett... ehm panorami che ci venivano offerti. Purtroppo Fuso con Pescio e Micio sono dovuti rientrare.

Ci inerpichiamo sempre tutte curve e tornanti verso la tappa per il pranzo a Montemonaco dove degustiamo ottimi panini fatti con prodotti locali e sempre caratterizzati dalla caciara scoordinata.

Riprendiamo il viaggio di ritorno.. Paolo e Claudio prendono altra strada perche' non sazi di curve, mentre il resto del gruppo tecnicamente sventrato si avvia verso la salaria e casetta, dove ci salutiamo poco prima dell'imbocco autostradale Roma Firenze.
Non l'ho riletta.. quindi beccatevela' cosi' com'e'!

Conclusioni:
Percorso 9+: Nonostante i 600 Km dei quali molti impegnativi grazie allo staff si e' permesso di partecipare ad un'uscita con doppio bollino rosso a tutti senza far sentire il peso a gruppo, a me per primo, ma anche neofite o poco pratiche come Toga e Daniela! 

Organizzazione 9.5: Un grazie di cuore a Meletta, Lauretta, Turan e Did.. tutto e' stato impeccabile ed organizzato con passione!

Clima 10: Piacevole da subito, poco caldo ed in altitudine ci siamo anche dovuto mettere giacchetti e felpe!

Location 7: Ottima location abbastanza confortevole, l'unica pecca e' il fatto che siamo stati smembrati in 3 strutture.. anche se forse mi ha salvato dal concerto di ½ litro.. e comunque a quel prezzo non potevamo chiedere assolutamente nulla in piu'!

Comportamento on the Road: 8
Un abbraccio a tutti e alla prossima!


Articolo by: Angelo "Aquila Lenta" Orlandi