RESOCONTO - Il Matese...

Nun è facile fa un resoconto de un'uscita in cui ce sarebbero così tante cose da descrive, da riccontà e da ricordà che è impossibbile menzionalle tutte. Certo è che arcuni parametri de vanno sicuramente menzionati a priori de quella che potrebbe da esse ‘na descrizzione minuzziosa successiva:

1) la grandissima ospitalità der terzetto Nasca Iban Orzoioghi (e nipote)

2) l'incredibbile crescita motociclistica de Toghina

3) l'eccezionale scerta de li percorzi fatta, ortre che dai tre menzionati sopra, anche da Xandre coll'ausilio de la grannissima esperienza, che me sorprenne sempre deppiù de Capitan Uncino

4) l'inzerimento de Kate che ciava bisogno de 48 ore de relacchese senza penzieri.

5) L'incredibbile buciodeculo metereologgico che ciamo avuto nei du giorni in cui solo er gioveddì precedente ereno previsti furmini e saette.

Probblematiche der viaggio:
Er guardrail sotto ar quale s'è infilato Grappin s'è tutto graffiato
La batteria de Toghina ha chiesto er nome de quello che spigneva in salita
Le doppiefrecce de Mezzolitro hanno reclamato perché je piaceva salutà quanno la moto se spegneva
Er pirolo de la batteria de Frandro je piaceva sta largo e nù je va da esse stretto ogni vorta.
Er vecchietto che è diventato amico de Lindo ha chiesto quanno ce aripassamo
Er pisello der Poggia ha chiesto meno frenate pè evità troppi contatti zinnali
I panni de Grapin hanno chiesto, la prossima vorta, da esse stesi ar coperto perché magara aripiove

Fermo restando ‘sti punti base, proverò a riccontà, a chi nun è stato presente, quello che è successo, e a chi cera a fa un sunto de quello che è accaduto, ma sò sicuro che quarcosa annerà ner dimenticatore. In questi dù giorni ne sò davero successe tante, e le risate, er divertimento, er piacere da sta inzieme so stati così forti da lassà scenne guasi ‘na lacrimuccia quanno, all'uscita dell'A24, se semio praticamente salutati.

L'appuntamento a le nove ar benzinaro Settebagni der raccordo ha visto conquistà lo scettro der ritardatario a Frandro, che scarza er Presidente che spesso e volentieri, invece, è lider de sta particolare classifica. Anzi, vorei propore, p'er prossimo anno, da inzerì ne la premiazzione de fine anno anche questa, come trofeo se famo arigalà da Pescio quarcuno dei suoi trastulli collorati e ce mettemio na targa sotto.

Partimo abbastanza tranquillamente e senza probblemi, pijamo dù goccette appena appena accennate e ner contempo famo la schiuma, perché semo tutti imbacuccati e preparati ar peggio, in reartà er peggio nun ariva, a fronte de ortre 17 gradi.

Quarche sosta pè strada e in corzo d'opera se aggiungono anche i vari Baffo Capitan Uncino Fuffi e Cavadenti, e quanno arivamio a Prata Sannita passamio in mezzo a vicoli stretti che ce fanno penzà: ma mò ce terrà dentro a tutti ‘sta casa???

Mai penziero fu più sbajiato. Nun entro ner merito de li vecchietti fermi ar bar der paese che hanno visto arivà tutte ‘ste moto inzieme (probbabbirmente già sapeveno tutto), ma la casa dei nostri ospitatori è stata ‘na granne sorpresa. Apparte er campanile popo là davanti che rompeva li cojioni ogni quarto d'ora, ce stava de tutto: ampio patio piastrellatto pè potè mette tranquillamente tutte le moto, giardino parchetto cò spazzio adibbito pè le tende, caseggiato enorme bianco in perfetto stile sudista che pareva un renc de quelli messicani, cò ar primo piano tre arcate sur barcone enorme, e ‘na mansarda spettacolare che dava su la strada de accesso.

        

Come arivamio se iniziamo a organizzà pè li posti pè la notte, quanno Iban se presenta addirittura cor compressore!!!! Risorti li probblemi de gonfiaggio de li materassini. Chi se sistema da na parte chi dall'artra, arimane er dubbio da capì perché nell'era dell'uguajanza omo donna noi per tera e loro sul letto. Ma sarebbe troppo lunga da discute... 

Dopodechè, manco amo finito da sistemasse che Nasca tira fòri l'iradeddio mangereccio, fortemente ispirato a la tradizzione locale, in cui troneggiavano le cijieggine de bufala (stupende) e li panzerotti classici. Più tanto artro. Ancora grannissimo rispetto pè chi cià ospitato, è stato tutto davero eccezionale. Capirai, sapenno bene quanto li sccoordinati in de ste situazzioni siano schizzignosi, ve potete immagginà la cosa come sia stata presa a male da tutti... Ma nooooo.. E' troppoooooo... ma Silvia perchéèèè...
dieci secondi così so stati più che sufficienti e poi tutti a magnà come tanti Tasmania!!

Subbito dopo se parte, a panze belle piene, p'er giro der Matese. Er ritardo de quer cazzaro de Lindo insieme a Ziotto fa si che chi più chi meno ce se adaggi a un ber po' de relacchese, poi se decide de mettese in moto, e se incrociamo popo all'ingresso der paese. Se parte p'er giro der Matese.

Ottimo giro, bei panorami, un ber po' de curve, arcuni tratti cò gomiti in continuazzione, a mio giudizzio molto divertenti. Se fermamio a Letino e lì er Presidente monta subbito a cavacecio de li giochetti p'er regazzini popo sotto ar cartello che vietava l'uso all'adulti. Stella cerca de ammazzasse pè fa l'ennesima foto de gruppo dar basso, Pescio se sente parcheggiata na bella mano ar culo (mia) pè arampicasse su la statua de quarcheduno e se riparte.

Quarche indecisione durante er traggitto che ce porta prima a entrà tutti dentro na rivendita de prodotti locali. Er proprietario seconno me mentre ancora se stava a sfregà le mano, ce deve esse arimasto male che come semo entrati tutti quanti se ne semo subbito annati... proseguimo seguendo chissacchi e se fermamio davanti a un agriturismo che corisponne co la fine de la strada. Quarcheduno becca un contadino e chiede indicazzioni, occhei, la strada peggiore fatta in du giorni, pè la breccia e pè come era aruvinata, nun porta a un cazzo, se aritorna indietro.

Er giro se rivela davero piacevole, tranne quarhe piccolo inconvegnente... Grapin, ancora sobbrio, nun se sa bene come, infila la propria moto in velocità sotto a ‘n paracarro. Quanno arivo lui sta già in piedi, e meno male, perché l'effetto visivo è mollllto preoccupante, invece nun s'è fatto un cazzo, i danni peggiori se li procurerà in seguito da solo grazzie all'arcool, stranamente....

Comunque na manopola rotta lo porta a frenà solo cor posteriore, grazzie ar quale farà un lungo er giorno dopo, ma nù lo dispenzerà da fasse er giro completo ner primo momento dei saluti.

Tornamo a casa, e Sirvia tira fori la seconda botta de cibborio. Essì che tra de noi ce ne so de inappetenti.... Bè, nonostante tutto, la robba era così tanta che poi domenica se la semo portata dietro!!!! In de sto contesto da rilevà i dù fochisti, Ibban e Lindo, entrambi cappellomuniti cò personalizzazione. Dieci e lode ar penziero!! Quindi ortre a tutto quello che ce sta, se fa anche la brace. Lindo, dispiaciuto der fatto che la gente cià le panze piene, comincioa a rompe li cojioni ar monno pè fa sì che er suo impegno trovi na risposta positiva. Daje, su, magnete na sarciccia dai... su su che ce restano male... daije pijate sta bistecchina... così fino alla fine de la serata!!!

Comunque ner frattempo entramo in contatto cò le macchiniste che stanno pè arivà, Turan Monella e Tanichetta, a le quali se aggiugne a sorpresa, solo all'urtimo, Federica. Ariva la chitara e se sona se canta, ma come ar solito nun se tromba.

La serata passa tra le battute de Geko, le risate de mezzolitro, li sguardi de Bamba, li balletti farfallati de maurizio (stendingovescion pè lui!).

Mò popo a Maurizzio, ma queste so voci, sembra che Geko abbia offerto ‘na sigaretta un po' aromatica. È partito a ballà e nun s'è fermato pè tutta la sera!!! Grandissimo. Ner frattempo, nonostante le solite bombardate de mezzolitro volte all'inzegna der massimo der bon ton, prende vita la pratica Grapin. E qui ne sò successe così tante che la memoria mia nun se le po' aricordà tutte. Prima voleva annà a dormì, poi è aritornato indietro perché s'era scordato er biuticheis, quanno l'ha trovato manco me ricordo chi s'è annato ad abbraccicà e io j'ho anniscosto sia er biuti che er tabbacco. Poi è aritornato verzo la tenda ma cià ripenzato ed è tornato indietro, ha inizziato a ballà che pareva pervaso dalla dea Kalì, sarvo a na certa ora tornà in tenda e incazzasse perché quarcheduno j'ava fregato er tendalino de la tenda e che je l'avano cambiata perché era stretta, nun centrava, e quinni nun era la sua. Meno male che ciava vicino que la perzona ammodo de Geko che ha subbito trovato un responzabbile: E' STATO CAVADENTI!!! AHAAHHHHAHAHAH quanno l'ho saputo me sò pisciato sotto lo giuro. E comunque occhio a Geko, diventeremo ognuno de noi corpevoli de quarcosa prima o poi.

A quer punto er nostro protagonista torna indietro e avvicinannose credo ar Presidente pronuncia la fatidica frase: avrei due domande da fare... ma qui io nun ce stavo e quinni lasso er testimone a chi potrà mejio descrive l'ennesima sceneggiata Dieghesca.

Loggicamente, prima dello spettacolo, c'era stato er festeggiamento pè sti cazzo de 53 mia. Tortona, tutti intorno, baci abbracci ecce cc nun te s'arza più, me pari mi nonno, tutto nella norma inzomma. Poi ar momento der regalo, che già me s'era presentato cò quer fantastico pisello de spugna donato dalla Nepi's prodacscion, ariva Pescio e vista la somijianza coll'arzenale che tiene drento casa, cerca in tutti li modi de sfiancammelo ne le chiappe! Mah! Più me piace la sorca e più intorno me ariveno segnali contrari...

Sur regalo nun ciò parole. Come ho già scritto da un'artra parte, ricordo un misto de incredulità, sorpresa, emozione e commozione ragazzi. È stato veramente ‘no splendido regalo, che sarà accorpato cò na partecipazzine alla spesa dei paraoli novi che sto pè mette. Nun ciò parole.

Così tra un festeggiamento, un ballo, quarche risata, dù strimpellate e l'espluà grappiniano, se va a dormì. E qui le differenze tra ommini e donne diventano mastodontiche. Le femminucce tutte tranquille, voci posate, chi dorme lo fa in modo elegante e silenzioso.

Io, come entro in mansarda, me capo na scoreggia de Bamba che credo abbia sbragato er parapetto der terazzo. Dai commenti capisco che nun se tratta de la prima. Ner frattempo me accorgo che sto in mezzo a Cavadenti, che russa, e a Zamma, che russa a ranfe. Pè uno come me, abbituato ad esse silenziosissimo, è un dramma! Ma nun vivo male la cosa, perché armeno fino alle tre umori e rumori de tutte le provenienza intensità e colori se arternano in continuazzione in quella pora manzarda, tanto da famme crede che decidano de abbattela e ricostruilla prima che tutto evapori definitivamente.

Le battute se arternano in continuazzione, ogni tanto interviene uno e tutti giù a ride come forzennati. È na nottata fantastica pè certi verzi e devastante pè tanti artri. Geko prenne la parola a tratti, ma quanno lo fa è esilarante. Uguale Frandro, Kirbis Ziantogno Bamba Er Preside e tutti l'artri sveji. Ziotto nun sente un cazzo e nun se sa come faccia, e uguale Valerio, che però nun sta in perfetta forma. Zamma a tratti, Cava un treno.

Io riesco a famme notà perché dormicchio ma me svejo frequentemente, più che pè le battute, pè Cava e Zamma, e quindi ribbadirò più de na vorta na frase che resterà nell'annali: Nun zò io che russo, so sti due. Quarcuno dopo st'affermazzione ha deciso da mettese er pannolone.

A ‘n certo punto nun so perché nun me ricordo, ma sbrocco, bestemmio pè un minuto de seguito senza prenne fiato, record non omologato perché a favore der vento de le scoregge, esco de fori in mutanne in terazzino e grido quarcosa che spesso me viene da ripete.

QUarcuno dentro fa: me sa che uno de noi è uscito. Ar grido EVVIVA LA SORCA che se sente dar terazzo rivorto ar paese dormemte a le tre de notte, er bandolo de la matassa è risorto: è Giggi...

La matina dopo l'unico che pare davero fresco e riposato pare popo Grapin nonostante le dosi de arcool ingerito, ma ha dormito in tenda da solo... aricominciamo co li preparativi, famo colazione e se preparamo p'er ritorno,. Passanno pell'abruzzo. Un giro fantastico. Strade eccezzionali e vedute meravigliose, panorami che resteno nell'occhi, e raggiungheno er cormo prima a Barrea e poi a Scanno. Tutto Bellissimo.

Popo su le rive del lago de Scanno trovamo un ber pratino in cui mettese, anche in de sto caso popo sotto a un cartello cò scritto chiaramente: divieto da fa li picchenicche. Manco p'er cazzo, tira fori la robba avanzata ahò!!! Ma siccome nun volemo mai fasse mancà un cazzo, la maggior parte de noi se va a fa fa quarche pagnottella nei ristori locali.

La pennichella ristoratrice successiva da parte de quasi tutti è la conferma che non si sia dormito particolarmente in modo riposante nella notte precedente. Dopodechè se decide de arimontà in moto e diriggese verso casa. Allora chi vòle esce a Cocullo (Coocullo me piace), l'artri prosegueno verzo la tibburtina. Quanno se ne parla che ancora stamio a Scanno, pare che a Cocullo girino solo le machine, ne la reartà è l'estato contrario, tutti in autostrada tranne un drappello de grandi, Grapin senza freno davanti, Fuffi cò lo scooter, Capitan Uncino, Baffo, Cavadenti e Geko. Respect!!!

L'urtimi saluti avvengheno dopo er casello dell'A24. Come ho già detto er piacere de sti dù giorni è stato così enorme che insieme alla conzapevolezza de quello che s'era fatto, ce stava anche er dispiacere de la viggilia de la conclusione de sti du giorni fantastici, in cui risate, amicizia e vojia de sta inzieme, sia in moto che non, l'hanno fatta alla grande. Da parte mia tutto questo è combaciato cor festeggiamento dei miei 53, e de tanti modi che avevo ipotizzato pè festeggià, questo è stato sicuramente uno dei mijiori.

L'urtimo penziero è ancora pè loro. Le perzone che hanno permesso che noi potessimo vive ‘st'esperienza veramente indimenticabbile, e che, pare, possa esse ripetuta. Bravi bravi bravi.

E un grazzie de còre ancora a tutti pè la loro participazzione.

By Poggiamorella

PS: me sò dimenticato da scrive che addirittura, er cormo dell'ospitalità, Ibban e er fijio hanno dormito in tenda, mentre Orzoioghi addirittura inzieme a noi ner delirio de rumori... ancora veramente grazie da parte de tutti e complimenti pè ospitalità e gennerosità!!!!!

 

Resoconto a cura di:
Giggi Poggiamorella Cartoni