I primi 5000 km del 2015


Anche quest’anno abbiamo deciso di continuare con i moto raduni della Federazione.

Tanto per non perdere l’abitudine la formula del campionato Italiano Mototurismo è nuovamente cambiata e oltre alla divisione dei trofei Nord, Centro e Sud a cui possono partecipare esclusivamente i rispettivi moto club appartenenti alle zone geografiche per il campionato Italiano Turismo sono previste 9 prove collegate alla nuova formula del moto raduno itinerante.

Fatte queste prime premesse e visto che con domenica abbiamo raggiunto i 5.000 Km faccio un breve riepilogo dei 7 raduni fatti .

A dire il vero abbiamo anche partecipato ad un Guzzi day organizzato dal Moto club di Chieti : almeno per due giorni abbiamo giocato in famiglia senza il solito rumore di ferraglia delle Ducati , quello delle signorine BMW , il casino delle Harley o gli smanettoni delle giapponesi.

Per tornare ai moto raduni itineranti se da un lato la formula rispecchia veramente la logica del moto turismo dall’altro occorre prevedere un impegno di due giornate e in alcuni casi con partenza il venerdì visto che per questi raduni sono previsti dei check point in ore e luoghi previsti dall’organizzazione.

Purtroppo in alcuni casi arrivare al punto di controllo non è stato semplice sia per la distanza ( vedi lago e diga di Rividracoli , eremo di Camaldoli ) sia per le strade ricche di curve e saliscendi ( passi appenninici oltre i 1.500 e montani prossimi ai 2.000m ) che avrebbero fatto la gioia di molti Scoordinati .

In ogni caso le serate con cena offerta e consumata nelle vie del centro storico di Poppi o di Mugnano nei quali erano disseminati i tavoli preparati per gli stanchi motociclisti ha compensato la fatica

Il nostro meglio per mantenere fede alla passione scoordinata la nostra Gigia l’ha espresso in occasione del moto raduno di Crocetta del Montello per arrivare alla cima Grappa 1800 metri di altezza paradiso ( e inferno per qualcuno) dei tornanti : non siamo a livello dello Stelvio ma ……. arrivare in cima in mezzo alla nebbia è stata una soddisfazione.

La visita al Sacrario , al collegato museo della Ia guerra e percorrere tratti di trincea è stata molto toccante.

Per riprenderci dalle fatiche la successiva visita ad una cantina con annessi e connessi ha contribuito a dare un tono diverso alla giornata.

Le due bellissime giornate hanno fatto dimenticare il viaggio di andata allietato dallo scoppio della gomma posteriore ( interessante esperienza da non ripetere) che ci ha costretto ad una sosta fuori programma e arrivo a destinazione con qualche ora di ritardo sul previsto.

Meno stressante il raduno di S.Giuseppe Vesuviano con gita al centro di Napoli e visita pedonale alla città letteralmente sopra e sotto vista la lunga passeggiata al fresco del tunnel Borbonico e cunicoli del sottosuolo.

A dire il vero vista la manutenzione delle strade della città e dintorni ( quelle di Roma al confronto sono autostrade lisce come biliardi) per raggiungere il centro della citta abbiamo avuto un piccolo rimpianto per le curve e salite del Montello , delle colline aretine e della pianura padana tranquillamente attraversata in occasione del moto raduno di Gussola , moto raduno tranquillo con visita a reggia di Contorno, villa Verdi , museo del violino e ultimo un palazzotto/fortezza in cui gli incerti architetti che hanno prestato la loro opera sono parsi degni della migliore tradizione della Prof.ssa Vaga ( nota agli ascoltatori della trasmissione radiofonica “ Il Ruggito del Coniglio” .

Tra la pianura padana e le colline aretine abbiamo anche avuto modo di partecipare al moto raduno di Praia a Mare che a dire il vero non è stato all’altezza del passato se non per i soliti temporali che da qualche anno ci accompagnano nel viaggio di andata e ritorno.

Tanto per scaldare il motore della Gigia e non perdere l’abitudine alle due ruote abbiamo fatto un giretto sull’Adriatico e precisamente a Martinsicuro , paesino della riviera Marchigiana con interessante visita ad un importatore di caffè e affini( leggi cioccolato) e ,tanto per cambiare , pasti a base di ottimo pesce e vino locale.

Ultimo in ordine di tempo il moto raduno di domenica a Mugnano :il paese dei muri dipinti.

Tanto per la cronaca l’ultimo impegno di domenica a Mugnano è stato l’unico asciutto anzi a dire il vero i 39 gradi che ci hanno accompagnato nei tre giorni hanno fatto un tantino rimpiangere qualche ( sospirata) goccia di pioggia che peraltro abbiamo beccato in abbondanza nei vari giretti dell’anno .

Mancavamo all’appuntamento da tre anni visto che la concomitanza con il Rally FIM ci aveva costretto a scegliere mete diverse e il bellissimo ricordo delle precedenti occasioni è stato confermato .

A parte il caldo e l’assenza di pioggia ( finalmente!!!!!) sono stati due giorni girando intorno al lago Trasimeno e le serate , siamo arrivati venerdì sera, al fresco ( si fa per dire ) della piazzetta al centro del paese invasa da tavoli e tavolini e musica non rompitimpani sono state molto gradite.

Chissà perché ma alla fine quando ci si ritrova intorno ad una tavola a consumare ….un frugale pasto a base di salumi e crostini vari ,gnocchetti e tagliolini al tartufo ,uno stinco degno del nome qualche dolcetto accompagnato da un fresco vin santo finale il ricordo dell’avvenimento è assicurato.

In ogni caso oltre alle piacevoli serate in ottima compagnia di conoscenze vecchie e nuove resta il ricordo .(immortalato in qualche …….. foto) delle interessanti visite in luoghi poco conosciuti che senza dubbio meriterebbero più attenzione e considerazione.

Certamente arrivare con decine di moto al centro di Napoli, nel centro storico di Perugia , a Cima Grappa e è stata non solo per i motociclisti ma anche per gli organizzatori una impresa; molto più semplice arrivare ai punti di ristoro allestiti in aziende produttrici di olio , birra, vino o di altri generi , guarda caso , molto spesso alimentari .

Per queste cose i motociclisti non utilizzano i navigatori ma si fidano del ….naso e vanno a fiuto.

Ultima nota per chi può interessare :il moto club Scoordinati è tra i primi dieci (per ora) nella classifica Nazionale e due Scoordinati continuano a girare in lungo e in largo il bel paese per migliorare la classifica non solo del moto club.

A proposito il prossimo appuntamento è previsto in Olanda per il rally FIM 2015 al quale per il quinto anno consecutivo parteciperà il Moto club Scoordinati , nel frattempo faremo qualche altro giretto in Molise.

QUI TUTTE LE FOTO

By Ottavio & Andreina & Gigia