Domenica 14 novembre 2010 - Sagra della Polenta a Nerola

L'Ass. Culturale Nerola presenta "la Sagra della Polenta", con sugo di spuntature e salsiccia. Inoltre antipasto con bruschette, secondo di carne alla brace e buon vino.

Costo del menù euro 12,50 circa.
L'evento avrà inizio alle ore 12:00

Il Motoclub Scoordinati, per questa data, ha organizzato una bella uscita tra le colline sabine, il lago del Turano ed infine una bella mangiata di polenta a Nerola.

Appuntamento:
Autogrill interno Settebagni del GRA alle ore 9:00, con partenza ore 9:15, per dirigerci prima alla volta del lago del Turano, percorrendo la via Salaria, dove ci si fermerà per un breve aperitivo, per poi raggiungere Nerola per la Sagra della polenta.

Note:
l’uscita è valida ai fine del TTS il percorso potrà subire modifiche qualora il tempo lo renda necessario.

Questo è il percorso

Info:
Nerola è un comune di 1.690 abitanti della provincia di Roma. Fa parte dell'Unione della Sabina Romana, si trova sui Monti Lucretili nella Sabina.

Storia
Il toponimo deriva probabilmente dal sabino nero o nerio, con il significato di "forte" e "valoroso". L'iscrizione sulla fontana della piazza del Municipio (A Nerone tuum Nerola nomen habet) fa risalire l'origine del nome all'imperatore romano Nerone, che apparteneva alla gens Claudia di lontane origini sabine. Sul sito sembra siano state viste tracce di una villa di epoca romana, che la leggenda attribuiva appunto a Nerone.
Nella seconda metà del X secolo il castello del Castrum Nerulae venne fondato dal "rettore della Sabina Benedetto Crescenzi e fu in possesso dei Crescenzi fino al 1235, quando passò sotto il diretto dominio dei papi. Alla fine del XII secolo il feudo venne concesso agli Orsini, che vi costruirono l'attuale "Castello Orsini".
Alla fine del XV secolo fu ulteriormente rinforzato con possenti torrioni e altre opere difensive e fu fortificato il borgo che lo circondava. Presso il castello venne costruita nel 1483 la "Chiesa veccha". Nel 1644 il castello e il territorio di Nerola vennero ceduti ai Barberini, insieme a Montelibretti e dal 1728entrarono in possesso dei Colonna di Sciarra, quindi ancora ai Lante della Rovere. Vi ebbe sede l'istituzione benefica del'"Ospedale dei Pellegrini" che assisteva quanti transitavano sulla via Salaria.
Nel 1867 il castello fu testimone della Campagna dell'Agro Romano per la liberazione di Roma con l'occupazione da parte di un contingente di Volontari garibaldini guidati da Menotti Garibaldi in lotta con le truppe pontificie. Vedi www.museomentana.it Nel 1939 il castello passò al marchese Ferrari-Frey. Attualmente è stato restaurato e ospita un albergo.

by Turan