Di.Di.Day a Pasquetta

UNA SCOOGIORNATA MERAVIJIOSA


De solito le favole inizzieno cò: “céra ‘na vorta”. Questa che ve sto pè ariccontà, ma che tantissimi de voi hanno vissuto in prima perzona, ha visto l’inizzio in un modo strano, inatteso.

Stavo ar bare der Gabbiano, come ar zolito mio, a rompe li cojioni e a giocà cò le regazze che ce lavoreno. ‘na chiacchiera, ‘na battuta, e me rivorge la parola un tale Fabbrizio. Ciao, chi sei, chi nun zei, io sto a lo Scialè del Lago e conosco u’ regazzo disabbile che sta a creà un movimento de motociclisti. Ma che davero? Je faccio io. E lui me risponne: Guarda, si passi al locale da me tra ‘na mezzoretta, lo chiamamo. E chi te ce manna? Ho pensato in dù scuregge de tempo. Ho subbito chiamato quer matto der Presidente, che pur essendo impegnatissimo al lavoro come ar zolito (nù stava praticamente a fa un cazzo), m’ha dato disponibbilità p’er giorno stesso, e simio annati da lui in un incontro p’er quale s’eravamio messi d’accordo intorno all’ora de pranzo. E lì ce staveno ‘sto fabbrizzio e Emigliano. ‘sto toscanaccio pieno de inizziative, un vurcano de idee, che forze ne sforna puro troppe e nù ariesce a mettele tutte inzieme, cià stupito p’er proggetto de cui ce stava a parlà. Voleva portà ragazzi cò varie disabbilità in moto a Vallelunga. Capirai, er Presidente ‘n artro po’ e se piscia sotto, visto che je staveno a propore ‘na cosa a la quale già stava a penzà da tempo.

Dallì, perlomeno pè quello che riguarda l’impegno Scoordinato, è inizziato tutto. Poi ce sò state riunioni der direttivo, incontri cò Emigliano e Chiaretta. La machina organizzativa, seppure cò granne ritardo rispetto a la data prevista, s’è messa in moto. La prima cosa che io e Macchese j’amo detto ai nostri amichi der Diddì è stato: Noi te potemo assicurà, pur nun conoscenno ancora la risposta, perlomeno trenta perzone. Perché, come se dice a Cardiff, “I now my chickenZ!” Drento de noi già lo sapevamo quale fosse er còre de li Scoordinati, e la risposta che ciamo avuto a la fine, nonostante se trattasse der giorno de Pasquetta, è stata fantastica. Tutto è stato fantastico. L’allestimento, er cammio de la Briggestò, er cammio de la Virgosse, li tre bocchese utilizzati pè la vestizzione de omini e donne, cor terzo che serviva pè la partenza de le moto. Poi la riunione che chissà pè quale cazzo de motivo, pè dasse ‘n tono, mò tutti la chiameno “brifinghe”. Dallà la suddivisione de li compiti de ognuno, da la sicurezza, ar servizzio d’ordine, a la vestizzione, a la svestizzione, all’accettazione, ai scarichi di responsabilità, ai biglietti della riffa che prevedevano due biglietti per il mondiale SBK di Misano, alle tessere del DI DI, a quer poraccio de Laverio che ha montato nun sò quanti auricolari. Senza mai dimenticasse che quarcheduno è ito a montà er tutto addirittura dar pommeriggio der giorno de Pasqua. Ma er bello è stato popo questo: ognuno ha svorto ‘na parte che in un contesto de gruppo ha assunto ‘na granne importanza. Tutti ar servizzio de tutti.

Se commincia cò le parole de Annalisa Minetti, grandissima a perculasse ‘n autonomia su sé stessa, ‘na granne voce che ricconta, ne le sue canzoni, le sue storie de vita e la sua enorme vojia popo de vive. ‘na vita che l’ha privata de la vista, ma j’ha dato ‘na voce incredibbile, un fisico da atleta (bronzo a le Paralimpiadi de Londra ne li 1500 nun vedenti) e ‘na caratura da gransorca

Subbito doppo, ecco la presentazzione der mezzo a dù ròte che tramite un purzantino fa scenne o salì dù rotelline, perfette pè fermasse senza inclinasse pè chi ha probblemi de arti inferiori.

A quer punto commincia a viaggià l’adrenalina. Se vedeno Michel Fabbrizzio, Luca Cecchinello, Letizzia Marchetti, tutti nomi che, pè chi va in moto, ce sta da rimanecce a bocca aperta. Loro saranno arcuni tra li piloti, che accompagneranno li regazzi in pista. Ma qui ecco er primo imprevisto. Mentre inizziamo a preparasse, ce sta un incidente, c’è ojio ‘n pista, perdemo guasi un’ora de tempo, e Vallelunga de limita er tempo. Nun se parte prima dell’una e venti.

Così inizzia la vestizzione. La cosa nun è semplice, e infatti, ne la suddivisione de li ròli, fatta ben prima dell’inizzio de la manifestazzione, er Capo chiede chiaramente: Chi se la sente??? Quarcuno nun ce la fa, e se po’ capì benissimo, ma ognuno, a la fine, ha trovato ‘na sua collocazzione, quindi la suddivisione de li ròli è stata perfetta.

Se aritrovamo, a ‘sto punto, cò dù gruppi che se occupano de vestizzione e spojiarello, uno pell’ommini e uno pè le donne. Er terzo gruppo, indove ce sto io, è quello de li bufali che deveno da cercà da mette le perzone su le moto: io Gianni Frandro Maggilla e Buttinelli. E lì l’emozzione, vicinissima a la vojia de fa si che nisun erore potesse ruvinà ‘na giornata fantastica, hanno fatto er paro a lungo. Chiara soffriva nell’attesa, perché godeva de ‘sto momento fantastico, ma vibbrava ar penziero che potesse capità quarcosa che avrebbe dato ‘na mano ar nugolo de denigratori che nun aspettaveno artro. Come se dice? Se la sò presanderculo, a passo de carica e cò la rincorza.


Primo a salì su la moto, all’esordio nostro, er Mancini. Paralizzato dar busto in giù. Er primo test è già impegnativo. Se lo pijamo in braccio in due, lo piazzamio sopra, lo legamo su li piedi, su le pedaline, sur busto cò quello davanti. Quanno torna è l’emblema de la felicità: ha girato dietro a Michel Fabrizio. Da lì se parte, come se dice, “a regime”: li nun vedenti parteno coll’auricolare, in modo tale che li piloti scerti da Emigliano e Chiara potessero er più possibbile, durante er traggitto, riccontajie quello che staveno a passà, er contorno, le curve, le artre moto. Commovente solo a riccontallo. Li parapleggici tra cui Paolo, che vòle a tutti li costi annà cò Letizia Marchetti (Nome proprio femminile, quella sorca di) cià un problema spinale per cui nun sente nulla dalle costole in giù, una vita aruvinata pè un corpo de sonno in moto a Campo Felice tanti anni fa. Una vita ritrovata però: tira coll’arco, gioca a ping pong, da oggi va anche in moto. C’è risalito sopra cò la faccia de u’ regazzino ceh sta pè sfonnasse un barattolo de nutella.

Tutto bene fino ar test finale, quello più difficile, davvero impegnativo, forze più emozzionarmente che tecnicamente. Chiara teme, la sua adrenalina nù scenne. Marco ha la distrofia muscolare. È da ottobre davanti a Montecitorio, pè lamentà er suo stato, ma soprattutto er zuo, leggittimo, diritto a la cura, osteggiato da leggi e interessi che se ne fottono artamente de la sua condizzione. Ha una forma della malatia che è deggenerativa. Popo pè evità da fa danni, capimo che è mejio che subbentrino le perzone che cià intorno ad aiutallo. Cià probblemi de varia natura, l’amichi sua, quelli de la solidarietà Baicher sò davero grandissimi e veramente da ammirare. Un gruppo fantastico de perzone che ciamo avuto la grande fortuna da conosce. So loro, stavorta, che lo aiuteno a salì, cò grandissima cura, cò tutta l’attenzione possibbile e immagginabbile. Quanno è sopra comminciamo a legallo, a mettelo per bene, a verificà che stia commodo, che l’auricolare funzi e che tutti li probblemi che dovesse riscontrà durante er traggitto possa communicalli immediatamente. Chiara sta guasi pè infartà, ma pell’ennesima vorta li gufi mòreno sur trespolo. Quanno Marco arientra, tra applausi e le telecammere impazzite de Sky e Raisport, presenti giustamente pè volè tistimognà de ‘sta grannissima giornata de solidarietà e motociclismo, l’emozzione se percepisce forte, quarcuno se lassa annà anche a quarche lacrima, quarcuno resistisce, ma è u’ risurtato de ‘na portata tale che tutto è giustificato. Li brividi attraverzeno tutto er corpo, arcuni se abbraccicheno da la contentezza, la coscienza de avè fatto quarcosa de grande prenne possesso de ognuno. E noi, che amio vissuto ‘sto momento, che simio stati coprotagonisti de ‘sta giornata, dovemo assolutamente da esse orgojiosissimi pè quello che amio fatto. Sempre grazzie a chi ha voluto ‘sta manifestazzione, sempre grazzie a la collabborazzione de li sponzor, de Vallelunga, de la Di Di, che sarebbero praticamente quei dù poracci de Emigliano e Chiara che se so fatti un culo come ‘n zecchio, e che speramo da riuscì ad aiutà ancora deppiù er prossimo anno, cò una partenza cò un ber margine de inizzio, e cò una organizzazzione sempre più capillare e pricisa, co lo scopo primario de portà a Vallelunga er nummero uno de la disabbilità sportiva, er Presidente der CIP, Luca Pancalli.

E, a la fine, tanto pè nù smentisse, ancora er gruppo Scoordinato se eleva a la grande: chi ha fatto er primo, chi er seconno, chi li dorci, chi ha portato da beve, chi de qua chi de là… SE MAGNA CAZZO!!!! Totale quattro euri. Che si ce annavamio ar bare de Vallelunga abbastaveno, si e no, pè un caffè e un gelato. E invece se simio scrofanati ‘sto monno e quell’artro, come ar zolito, come ne la mijiore tradizzione Scoo.

S’è avverato er zogno der Presidente, che, incredibbirmente, era anche er zogno de Emigliano. Ovvero riuscì a portà in moto ragazzi cò disabbilità varie. Partito scambianno dù chiacchiere ar bare.

A la fine, doppo quanto vissuto, doppo ‘na giornata de emozzioni, de incontri, de conoscenze, l’urtimo penziero è tutto pè noi.


Bravi ragazzi, bravi tutti. Grazzie a chi cià aiutato, a chi ha permesso che ‘sta giornata prennesse vita, a chi ha fornito le tute, a chi ha fornito l’ospitaliti, a quelli de noi che hanno messo a disposizione guanti caschi auricolari stivali e quant’artro. E, devo da dì, in de questa giornata, senza nulla levà a tutte quelle componenti cò cui amo collaborato, un po’ de presunzione ce sta tutta. Stavorta, come artre vorte, seconno me, simio stati popo bravi. Bravi. A noi. A loro. Ma soprattutto bravi a quelli che amo aiutato, che cò coraggio dicidono che l’eventi de la vita nun deveno mai bloccà la prosecuzzione d ela vita stessa.

E mò apparecchiamise p’er prossimo anno. Perché in perfetto stile Scoo, tutte le cose so fatte pè esse mijiorate…

Poggiamorella.