6° TAPPA TTS 2014 - ALTO CHIANTI

Uscita Tavarnelle Val di Pesa

AMOREMI, ER VENTIDUEGGIUGNO TE SPOSO!!!

Nun è facile fa u’ resoconto de ‘na dù giorni in cui è accaduto de tutto e ar massimo: li chilometri fatti, l’accua che amo preso all’andata, le risate (paro paro come dù anni fa, forze anche deppiù) la sera de la cena, la squisitezza e disponibbilità de Susanna, er nummero de le perzone che se so ‘mbriacate, le situazzioni divertenti in ogni momento de ‘ste dù giornate, che diventeno divertenti a ripenzacce, ma in reartà, sur momento, lo so morrrrrto de meno.

Ma prima da inizzià ‘ste righe, vorei rammentavve ‘na cosa che ripeto anche ogni vorta che me ne vado in giro p’er monno a declamà poesie in rima e che sarà er tratto generale de tutta ‘sta relazzione: A CHI TOCCA NUN ZE 'NGRUGNA, qualunque cosa de ‘sto resoconto ve dovesse fa ròde er culo, ne risponno perzonarmente (anche cò de le scuse), MA QUI CE SO’ DE LE COSE PE’ LE QUALI CE SE SEMO TROPPO AMMAZZATI DA LE RISATE, e quinni tutti li soci e li simpatizzanti le devono da sapè!!! Ahahahahahahahahahahah ancora sto a ride!!!!!

Partenza classica e solita dar Molo, incredibbirmente guasi in orario. La prima notizzia è che anche la perzona che m’avrebbe potuto accompagnà ar posto de Gennaio nun è presente pè problemi de lavoro, purtroppo, e che, nononstante la matrimognale prenotata, anche stavorta finisce a gazosa e quello che ne conzegue.

Accompagnamenti sorcali, ortre a quelli definiti dar còre, intriganti: Cavillo cò Kate, Sorelle fregnabbella inzieme cò Alessio pronto a intervenì ne le retrovie, Claudione cò Turan e Barbara dar capello riccio, roscio e fluente cò Kyrbis. Ner ritorno subbentrerò a la scommodità chiappale de Cavillo infilannome deddietro la Tond dalle zinne a Bomb, e subbito doppo Turan che le zinne nun cell’han. Daje cò ste gazzose ahò!

Va anche detto che Aquila Lenta viene in macchina, e ce permette de accollajie femmine e bagaji. Partono cò lui Tanichetta, che sembrava nun potesse venì, e Nanà. Loggicamente, visto che sto da solo nonostante le premesse diverze, chi è che fa la scopa? Chi nun scopa, quindi Moi, a la francese.

Se decide subbito, purtroppo, da modificà er traggito p’er possibbile martempo, e mai scerta fu più azzeccata, perché più o meno da quanno entramio ne la provincia de Viterbo inizzia ‘na pioggerellina stronza e rompicojoni che ciaccompagnerà pè un ber po’, lassanno er posto, spesso e volentieri, a pioggia vera e propria. La prima sosta è a Capranica, indove se riallacciamo alla frangia Sabbina (Fiorenzo e Antonella e Attila e Annarita), e quarcheduno inizzia a vestisse contro l’accua. Seconna tappa più o meno ner viterbese, e là tutti a vestisse completamente. Piove sur serio. Smetterà solo a le porte de Siena. Er traggitto nòvo prevede la Cassia fino per l'appunto a Siena. Facile facile, un po’ dritta, ma necessaria, e soprattutto in arcuni punti cò dei paesaggi davero fantastici: l’anno scorzo, rientrando da la toscana in solitario, me la feci tutta, e all’artezza popo de Siena, li faggiani me attraverzaveno la strada. In de ‘sto caso, li faggiani se li portamo cò noi, ma cianno davero poche corpe poracci. Frandro cor calesse suo, e Bombardino cò lo scallapizzette che cià, nun ze sa pè quale motivo, scivolano sull’asfarto bagnato, macchie d’ojio che poi vedremo ce accompagneranno pè un ber po’. E in de ‘sta sventurata situazzione CASKA (lo dice er nome) diventa motociclista a tutti l’effetti bacianno l’asfarto cò le chiappe, ma anche cò cavijia e porzo!!!!. Fortunatamente, nonostante la scivolata sia stata, nonostante le velocità da crociera, de più de ‘na decina de metri, nun se reggistrano grandi danno né a perzone o cose. Frandro cià ‘na pellaccia, Bombardino pure, Caska se massaggia er porzo destro (cosa che farò anch’io insieme a la gazosa pè artri motivi), quarche leva piegata, sembra che sia tutto là. In reartà, ma se ne accorgeremo dopo, nun è così.

Prima de la scivolatona, durante la gestione stradale e semaforica de la cosa, Stella ha dato er mejio de se, facenno er viggile urbano e incazzannose e gridanno a tutti quelli che passaveno. Ahò va piano, Fermate tu! Ahò ma te vòi sbrigà? Ce n’ha avuta una pè tutti!!!

Prima de la caduta, avevamo fatto ‘na sosta a un autogrill che stava pè strada. Ahò, a quello j’amo riempito er bar, j’amo svòtato la dispenza, j’amo lassato un botto de sòrdi, e cià avuto sempre ‘na facciadacazzo spaventosa, sia lui che la mojie. O aveveno appena litigato, oppure assolutamente ingiustificato, sembrava che je rodesse er culo perché guadambiaveno!!!! E quindi, siccome io so stronzo, me so preso un gelato e manco je l’ho pagato, e quarcheduno manco j’ha pagato er caffè! E vaffanculo!

La seconna sosta va mejio. Trovamo un ciccio e la signora cor fijio simpatichi, giocherelloni, me faccio priparà un bestione pieno de formaggio ched’è ‘na cosa spettacolare, e Laverio se sente attratto e se ne fa fa uno uguaglio. Esiste anche na tistimognanza fottografica de tali mostri. Quarcheduno se pija la pizza, quarcuno na pagnottella, ma oramai è escito er sole, e quinni stamio tutti più distesi, io me spojio completamente dell’antiaccua come tanti artri, guasi guasi fa pure cardo…

Ripartimo, e a quer punto decidemo, visto che l’orario ce lo permette, de diriggese verzo Monteriggioni, cosa che già avo accennato in sede de preparazzione der traggitto. Se tratta de un posticino caratteristico, all’interno de mura perfettamente conzervate, e cò un fascino medievale eccezionale. Se famio un giretto der paese, le solite foto da cojioni che oramai ce distinguono nel limbo dei cazzarelloni, e in quattro aderimo ar proggetto “Cappello da Cinghiale”: io me lo crompo perché me piace, Nanà puro, ma Tizziana je lo arigala a Pescio, e Tanichetta a Mezzolitro!!! Ahahahah mai i soggetti prescerti potevano da esse maggiormente azzeccati!!

A ‘sto punto Bebastorta me se avvicina e me fa: ma che ce sta quarche posto libbero all’agriturismo indove annamio? Ehm, e perché? je faccio io. No, perché se potrebbero aggregà tre amiche mie. Una me sa che la conosci pure…

A quer punto quella caccola de cervello che ancora me stava a funzà, cessa automaticamente er suo cammino, anche perché l’affluenza de sangue, come testimoniava la mia majietta de la cena, nun po’ esse contemporanea su dù zone, e una, in quer momento, prevaleva dicisamente sull’artra! Purtroppo nun ariveranno mai…

Aripartimo a la vorta de Tavarnelle e ciarivamio in breve tempo doppo avè fatto, finarmente, quarche curvetta, che mette a nudo tutto er terore de Toga ne le discese, ma come parte la salita, è come si j’avessero spinto er purzantino cò scritto Turbo. Mah!!! Anche lei, giustamente, essendo donna, quanno sale, prenne velocità…

Arivamio a Tavarnelle, e comminciamo a disposse ognuno ner popo spazzio dormiente. Io dovrebbi da esse quello che, su la carta, ce rimette deppiù. Infatti, pè potè soddisfà tutti, Max, in accordo cò Susi, ava preso, in un posto là vicino, artre due camere matrimognali, e una doveva da esse la mia. Finisco ner coridoio in un divano letto, soli soletti, io e ‘r mio pisello…

Er tempo de arivà, ed ecco che se presenteno anche Adriano, Simona ed Eleonora, i miei amichi toscani che ariveno da Pescia, che desidereno a tutti li costi esse presenti a la cena (e nun sanno ancora che li aspetta). Presentazzioni, saluti, abbracci, cò uno che pè anni ha fatto rallye (Adriano) e che vive er monno de le dù ròte, pur nun avendo ‘na moto, cò granne trasporto emotivo.

L’inizzio è come quello de dù anni fa. In uno dei due edifici in cui se dorme nun ce sta accuacalla, ma mentre er probblema a suo tempo se risorse facirmente, quest’anno è popo l’ENI che nun eroga er gasse!!!! Quindi lì indove stanno le femminucce stanno tranquille perché ce sta er bombolone ed escheno fresche e profumate, l’ommini quelli peggiori, io Kyrbis Cavillo Lupo Fuso e Alessio se la pijamonderculo (per il momento). Infatti dopo che Susanna e Giorgio se so attivati, in cinquanta minuti è arivato er tecnico che ha sistemato tutto.

Prima de la cena, sempre grazzie a ‘sto cazzo de gotta che me porto dietro, estrapolo ‘na busta de salami che m’ero portato da casa e che deveno da morì perché nun me li posso magnà, e li piazzo sur tavolo indove stanno le pagnotte che amo accuistato pè strada quanno se simio fermati pè l’urtimo spuntino. È record ufficiale de velocità, sparisce tutto in pochi secondi, e li commenti de chi ha participato a la libbaggione (ahò, ammazza quello piccante quanto era bbono…) nun fanno che aumentà la mia sofferenza: nun se tromba, nun se magna, nun se beve, in compenzo me pijano tutti p’er culo!!!! E quale modo mijiore pè inizzià la serata se non quello de metteme davanti all’occhi sei bottijiette de gazosa??? ‘na vorta idealmente se associava a la bira, ner caso mio a le pippe. Belle premesse pè la serata!!!

Mentre già stamio quasi tutti a tavola, ariva er neosessantenne cò la signora, Kawadenti, che porta cò sé anche dù torte cò le quali lo festeggeremo ar termine der banchetto.

Ma aritornamio a la cena. Pochi giorni prima, m’ero sentito cò la splendida Susanna che m’ava detto: ahò, er cinghiale sta a frollà!!!! Che cazzo vorà dì frolla nu lo so ma lo immaggino, ma ortre a la pasta cor cinghiale che seconno me era bonissima, ce porta un maiale spettacolare come seconno, che se sbriciola in bocca pè quanto è tenero, più der pisello der presidente, inzieme a li classici facioli toscani cannellini. Ma nun è tanto quello che se magnamo, quanto quello che se beveno, ahimè, loro. Dopo manco dieci minuti, Pescio già accompagna Manitù ne le vigne pellerossa, er Presidente dovrà attenne ancora quarche minuto pè da er mejio de sé, e se aggregheranno in de ‘sta maratona vinicola anche pezzi inattesi come Patty, Laverio, solo pè menzionà li più devastati. Mezzolitro che ve lo dico affà, continua tutta la sera cò la sua voce gradevolissima e il suo stile anglosassone “A finger in the Ass” a rompe er cazzo a tutti quelli che je capiteno sotto, ma la vittima sacrificale preferita è Paola de Kawa.

A ‘sto punto inizzia la tiritera de Pescio. Amoremì, er ventidue giugno te sposo. ‘sta frase viene ripetuta esattamente 6.482 vorte nei primi undici minuti, proseguendo pè tutta la serata e determinando strane e incomprensibili reazioni de rottura de cojioni da parte de Tizziana. Ma er momento è topico, mentre, dopo che er vino è scorzo a fiumi, compare er vero corpevole de tutta la serata: L’AMARO!!!! Perché tutti se sfonneno de vino in quantità industriali, ma a la fine sempre tutti a da la corpa der proprio malessere (‘mbriacamento) all’amaro! Pochissime gocce de liquore, ortretutto leggerissimo e che dovrebbe aiutà a diggirì, divengono er capro espiatorio de ore e ore de vino infilato da tutti li pertugi nisuno escluso!!!! E’ CORPA DELL’AMARO!!! Seconda frase della serata!

A ‘sto punto inizzia er Pesciosciò!!!! (Pescio Show). Ahò! (è l’esclamazzione cò cui commincia tutte le frasi, sia si deve di quarcosa a Tizziana, sia si deve annà ar cesso, sia si deve mette in moto, sempre). Ahò, dovemo da fa li sverginamenti (battesimi) Scoordinati!!!

A quer punto inizziano ad arternasse ‘na serie de perzone a le quali tocca fa la benedizzione chi pè un motivo chi pè un artro: io, che nun ho bevuto un goccio de vino, ma che me so ‘mbriacato e sentimme chi me alitava intorno, MICA ME LI RICORDO TUTTI QUELLI CHE SO’ANNATI SOTTO A PESCIO!!!!! Anche perché le risate che se semo fatti in quei venti trenta quaranta quanti cazzo so stati de minuti so state tarmente tante e tarmente forti che so convinto anche de esseme perso quarcosa perché ancora stavo a ride de quello che era successo prima. E communque, se la pijano in derculo quelli che nun ce stavano, è stata ‘na cosa spaventosamente divertente, davero na serata de quelle che se metteno nell’annali e vanno sempre aricodate. Me rammento solo Adriano e Simona perché me staveno davanti, e Barbara perché a vedella cò quer capello roscio sciorto, cò quell’occhi, vabbè, me s’è sfrigolato quarcosa ne le mutanne, ma grazzie a la gazosa ho arimesso tutto ar propo posto!!! Communque tutte queste performanZ sempre condotte da Pescio cò ‘na maestria e ‘na straordinaria lucidità… ehehhhehheheh

A quer punto quarcheduno prenne la chitara e me la mette in mano. Penzo che forze la chitara attrae la chitarina, ma nun è così. E da là, se canta. Una sventurata me chiede quarcheccosa de attuale, ma a un vecchio rincojionito come me se po’ chiede ‘na cosa der gennere?

Communque inizziamo più o meno tutti a cantà, ancora sto senza voce, e lì parteno li ballerini. Pescio se lancia ne la danza de le monache, in cui se piazza a panza all’aria sur tavolino a coscie aperte, propo indove va a finì cor naso er presidente che nun è da tempo più in grado de leggge e scrive. Inizziano ‘na danza che parte a tera, ma che dopo un po’ de tempo avviene in piedi su tavoli separati, e là, quello che dovrebbe da esse er massimo rappresentante der motoclebb, dimenticando quei due o tre etti in più che se porta appresso, torna, cò la capoccia, a esse libbellula, come quanno l’anno scorzo se lanciava sul letto de Grappin sembrando un usignuolo. Cerca da raggiunge Pescio in piedi sull’artro tavolo, ma la tovaija sguiscia e arischia de aprisse in due come ‘na cozza. In reartà er fisico l’aiuta, perché nonostante li tavolini se trovino a ortre un metro da tera, sbatte cò la panza sur pavimento e praticamente aritorna su subbito. Grandissima aggilità, enorme elasticità, un vero atleta. Avojia poi che quanno torna a casa se guarda allo specchio e se dice:- So un ciccione de merda!!! (Eliducati cit.).

Continuano le cantate, e lì esce fòri a la grande Patrizia, mentre anche Aldone sta incamminandosi verzo la perdita de la coscienza a causa dell’amaro. Me se appiccica sull’orecchio sinistro, e siccome probbabbiirmente p’er gran casino nun sente, me inizzia a strillà perfettamente drento a le trombe d’Eustacchio, che a furia de sentì quei rumori ha smesso perfino da fa er cioccolato bono ar Pantheon. Er top de la gamma esplode cò Vitti ‘na Crozza (sottotitolo Vidi ‘na Cozza), che se la sparamo tutta quanta senza manco sartà una strofa, me sa l’unica in assoluto, in cui ortre a la lussazzione der timpano, ho subbito la frattura de la parete cartilagginea dell’orecchio, la perdita dell’udito, lo stiramento della guancia sinistra e un piccolo danno ar collo dell’utero.

A ‘sto punto inizziamo a fa er conto de le vittime. Purtroppo la pora Martina lamenta un piede nero e un dolore abbastanza forte. Probabirmente ne la caduta o je s’è piegato o ha sbattuto, nun ho ancora notizzie de quello che s’è fatta e noi tutti speramo sempre ner mejio. Nù riuscirà a dormì pè guasi tutta la notte, ma, soprattutto, NUN HA MAGNATO GUASI UN CAZZO!!!!! Penzate quanto stava male… la moto de Frandro, purtroppo, aveva er manubrio piegato, quindi hanno deciso al ritorno da fa una strada molto più tranquilla de quella ipotizzata. Martina rientrerà cò Angelone in macchina.

Laverio sparisce dalla scena ben presto. L’amaro m’ha fatto male, dirà più tardi. Ma, da informazioni ricevute dalla Gestapo, amo scoperto che quarcheduno l’ha visto soffrì, drento ar cesso, mentre una aguzzina delle SS je infilava un cucchiaro in bocca cercanno da fallo vommità. Sempre mejio in bocca che ar culo, dico io, e si ciavesse avuto le emoroidi??? La mattina dopo un omo distrutto e ‘na donna serena e rilassata!

Patty accusa chiaramente la serata libertina. Esce fori da la stanza che cià lo stesso colore de le lenzòla de Bio Presto appena lavate. Aldo è mardetestato, ma tutto sommato se rimette presto. Laverio cammina ingobbito in avanti, e Nanà ha conzumato tre raspe de fero pè quanto je rode er culo. Mezzolitro, che seconno me dovremmo chiamallo ‘na vigna intera, nonostante tutto quello che ha ingerito è sempre fresco come na rosa e pronto a cazzeggià e a rompe li cojioni subbito fin da prima matina. Er resto de la ciurma sembra perfettamente in forma, Presidente e Pescio compresi. In questo frangente Turan esplode a la masse dei presenti un pigiamino bicolore da far invidia a tutti. È della Jesus! Afferma candidamente. È loggico, è domenica…

Ne la zona de li maschiacci, stranamente se continua a discute su una serie de rumori che nun se riesce a capì bene da quale culo provenissero, difficile riuscì a capillo, viste le fonti molteplici che ne potevano esse causa. Ma la soddisfazzione più grande è quella de potè affermà, portando armeno cinque testimoni, CHE NUN HO RUSSATO PE’ UN CAZZO!!!! Anche perché er mejio de me me lo tengo pè quanno ciò er Presidente vicino…

Classica foto de gruppo cò li vigneti de sfonno, moto in partenza, machina de Aquila Lenta ricaricata, e se riparte, questa vorta direzzione Volterra, sosta prevista Massa Marittima, che se chiama così ma sta in collina, un po’ come Novi Ligure che sta in Piemonte insomma. Molto prima de Volterra zia Patty accusa un malore. Aldone se ferma, anche Ziantogno e Stella e pure io pè capì che succede. Bianca come un cencio, je lasso la boccia d’accua che me porto sempre, e riparto, anche perché Stella me dice terorizzata:- NO, NO, VA DIETRO A TOGA, PRESTO!!!!!

Arivammo a Vorterra, e là se fermamo pè ricompattasse. Arivano dopo un po’ Derfina e Patty e relativi “Scioffer”, dù chiacchiere, ‘na pisciatina, e aripartimo. E lì Attila, prende er centro de la scena. La moto sua è carica, cò li borzoni, fa montà Annarita in un punto in discesa e un po’ piegato su un lato, perde l’equilibrio e la moto è pesante… da fermi vanno tutti e due per tera. Arivo de corza e je do una mano pè tirà su la moto. Attila arimonta ce ariprova, io me allontano tranquillo… e lui aricade!!!!! Ahahahahahahahhah e stavorta me faccio anche male a na mano pè ariarzaje la moto!!!! A quer punto Cesco prenne in mano la situazzione, pija la moto, je la sposta, e se po’ aripartì tranquillamente. Ner frattempo faccio amicizzia cò un vecchietto che ha visto tutta la scena, e che cià fatto compagnia pè tutto er periodo che semo stati là. Scambiamo dù chiacchiere, poi se salutamo, che devo annà a scopà, cioè fa la chiusura der gruppo, e lui me dice:- certo che me fate un po’ d’invidia….

Cià raggione er vecchietto, perché io credo che ognuno de quelli che ha preso parte a sto giro e che è parte integrante de ‘sto gruppo, viva cò un orgojio immenso tutto, er fatto de essece, er fatto de condivide ‘sti momenti. E questo anche a fronte de pensieri diversi, de quelle che so le incomprenzioni de la quotidianità. Ma un granne amore, pè esse vero, ha da esse un pochetto litigarello, artrimenti nun sarebbe amore.

Se avvicinamo a Massa Marittima, e là Aldone se deve rifermà, perché Patty arista male. Tutto, fortunatamente, je finisce quanno arivamo là indove se magna, a Massa, prima seduta continua a ripete che nun se la sente da magnà, poi, invece, un pezzetto de pane, e già tutto va mejio…

Massa è un posticino delizzioso. La piazzetta in cui se fermamo è molto caratteristica, me faccio un giro piccolo p’er paese e vedo che ce sarebbe da fasselo tutto a fette con carma, è da aggiunge ne la lista dei posti da visità de sicuro. Communque me trovo anche un gelataro fantastico, che me permette de aprimme lo stommico pè una pagnottella da sbarco che me preparano (documentata anch’essa fotograficamente). Magnamo tutti pijandosela con carma, dopodechè se rincamminamo, decidendo da tornà dritto pè dritto sull’Aurelia. Me incollo deddietro le bocce de Kate e se parte. Come arivamo sull’Aurelia, je faccio: vedi quello? È l’argentario!! Manco p’er cazzo, era Punta Ala… ahahahha me ne so accorto dopo all’Argentario loggicamente….

I gruppi iniziano a modificà i percorsi pè rientrà a casa. Quarcuno che sta a Roma fa l’autostrada, noi che annamio ad Anguillara rientramo da la strada de Monteromano e Barbarano fino alla braccianese. Dopo avè sarvato er culo ar Presidente che se stava a fa flescià da un meravijioso autovelox popo a Monteromano, se fermamo a Oriolo pell’urtimo scambio. Turan cò me e Kate che torna cò Cavillo, perché Claudione se stacca e va verso casa. Mentre famo l’urtimo tragitto, cò Turan se dimo: meno male, amo fatto presto, ariveremo verso le sei…

Purtroppo però i tempi de degenza de Martina all’ospedale de Bracciano so lunghi. Anche perché pè arivà là praticamente i quattrorote muniti fanno ‘na strada che sarebbe er corispettivo che a Birmingham chiameno er Joseph Tour around de Kingdom: er giro de Peppe intorno a la reale. Escheno ad Attigliano (??) e da là tajiano pè Viterbo annanno a prenne la Cassia de domenica!!!! Cazz!!!!

Ner frattempo, giunti ad Anguillara, Kate deve partì de corza a annà a prenne er fijio, e cià la robba in machina, ma nun po’ aspettà e se ne va, restamio d’accordo che se sentimo dopo pè fajiela avè. Linda, invece, nun cià le chiavi de casa: avojia io a dijie intanto passa da me, nun ne vòle sapè! Ma anche Alessio se ne va pè tornà a casa, e la rincojionita se scorda che dentro ar bauletto cià lassato li documenti. Così finisce senza chiavi, senza documenti, e cò un rodimento ar culo da parte de le sorelle Fregnabbella che mejio nun parlanne!!! Ahahahahah

Ma Alessio è un fenomeno. Pè strada se rende conto e se ricorda, e torna indietro. Semo costretti, io Cavillo e Kyrbis, quanno lo vedemo, a annà da Linda e dijie: E MO’ JE LA DEVI DA PEFFORZA!!!!! Ma nun credo che sia annata così però.

Ner frattempo visto che dovemo aspettà e che stamo ar Bistrò, che famo? La risposta è semplice: MAGNAMO!!! Ma mentre stamo seduti, ecco la brutta notizzia. Dopo ortre 600 km, Fiorenzo e Antonella vengono sbragati in pieno da un cojione che nun se ferma allo stop a Montebuono, a casa praticamente. Finiscono nei rovi, e da quello che attualmente sapemo, là restano in attesa dell’ambulanza. La vojia de fa partì na spedizzione punitiva e annajie a da un sacco de cazzotti è fortissima, la distanza, fortunatamente pè tutti, è un ottimo deterrente.

ECCO ANGELO!!!! So le otto! Accompagno Turan a prende la macchina da Baffo, e se prenne er zaino de Kate pè fajielo avè. Tutti contenti de tornà verso casa, considerando anche le attese de Stella e Ziantonio, che devono arivà a Roma e de Barbara, che deve passà prima a Prima Porta e poi annà a Colli Aniene e quindi anche Patty e Betta. Ma er mejio de loro lo danno MAx e Aldone. Bè, Aquila nun arivava, mò nun se ne potemo annà, amo ordinato da magnà… e qui premio nobbel pè la testimognanza a Betta: MA COME, SI LA MATINA TE METTI DAVANTI A LO SPECCHIO E TE DICI: SO’ UN CICCIONE DE MERDA???

Bè, devo riuscì finarmente a creà l’inno de li Scoordinati, magnamo, bevemo e ridemo come pochi ar monno, e un ber remix cò sta frase sarebbe perfetto.

Bene ragazzi, ho finito. Credo de avecce messo quasi tutto, chi è rimasto fori, come ho detto all’inizio, se la pijanderculo, come dice quarcuno che conosco bene

“è ‘r Teorema de la Prugna, a chi tocca nun ze ‘ngrugna”.

Il Salustro