10-13 giugno 2010 - Word Ducati Week 2010

Mi avevano detto che era bellissimo ma chi se la aspettava così! Per la mia presenza al WDW devo ringraziare con tutto il cuore Betta, senza il suo passaggio non avrei passato tre giorni davvero spettacolari! Venerdì 11/06 ci siamo dati appuntamento al bar “il gabbiano” e dopo aver fatto colazione, e “L’ANDIAMO” di Giandark siamo partiti per Misano Adriatico. Davanti a noi 350 km di strada da percorrere. Il gruppo non era molto numeroso, ma era composto da tutte Ducati, ovviamente. Dopo essere usciti da Anguillara la prima sosta l’abbiamo fatta al casello di Orte, e dopo aver fumato una sigheretta ed essere andati in bagno siamo ripartiti . Da dietro alla moto riuscivo a vedere tutto e mi sono ammazzata dalle risate a vedere Giandark che ballava a ritmo della musica che veniva dal suo I-Pod mentre guidava! Fino verso le dieci il caldo è stato sopportabile, si stava bene, ma dopo le dieci abbiamo iniziato a sentire un caldo bestiale…. Il tempo ci ha graziati con il sole tutti e tre i giorni ma ce l’ha fatto scontare con il caldo che abbiamo sofferto! La seconda sosta l’abbiamo fatta dopo Perugia, anche se qualche componente del gruppo, Manolo e Maurizio, l’hanno fatta qualche km dopo… Dopo esserci rifocillati, dopo aver fatto il pieno alle moto e risposto alle mille telefonate di Paolo che ci chiamava da Misano abbiamo ripreso l’E45 per continuare il nostro viaggio. La strada non era poi tanto male, l’unico inconveniente sono stati la lunghissima fila di camion che ci intralciavano la strada. All’una abbiamo fatto un’ulteriore sosta per rifocillarci per benino,fare benzina e sgranchirci un po’ le gambe. L’ultima sosta prima di arrivare alla meta… e dopo tanta fatica finalmente eravamo arrivati… e sapete da che me ne sono accorta ?? Max ha iniziato a saltare come un matto sulla moto!!!! Arrivati all’entrata principale l’unica cosa che risaltava agli occhi era l’immensa distesa di rosso… Si vedeva l’inizio ma non si vedeva la fine del parcheggio adibito alle moto! Dopo che siamo entrati tutti e abbiamo parcheggiato siamo andati a salutare Paolo e Stefano che erano arrivati all’alba per montare il “box” del “pilota” che stavano seguendo. Abbiamo iniziato a girare per vedere un po’ che cosa trovavamo in giro per l’autodromo…
Bè, credetemi se vi dico che c’erano Ducati di tutti modelli, tipi e colori! Ne abbiamo vista una che aveva tre ruote!! Dopo un paio d’ore di giretti siamo andati al campeggio, vicinissimo all’autodromo, dove abbiamo montato le tende, tutti vicini. Abbiamo scelto il posto migliore per sistemarle……. Vicino ai BAGNI! Ma era l’unica piazzola dove c’entravamo tutti ed era vicino al bungalow di Maurizio, Tacchia, Giandark, Mimmo e Dorina. Finito di montare tutto abbiamo dato uno sguardo in giro per il campeggio… ci siamo accorti che la tenda di Walter, che era arrivato il giorno prima da solo, era montata in maniera un po’ strana…. L’entrata della tenda era davanti ad un pino! La sua spiegazione è stata:”almeno se provano ad entrare per rubarmi le cose fanno difficoltà”. Hahahhahahahahhah! Dopo aver fatto tutto, un gruppo ha deciso di andarsi a rilassare in piscina mentre un altro è tornato in autodromo. Per la cena abbiamo deciso di andare a Riccione,(Io e Paolo (visto che eravamo a piedi!) siamo stati così fortunati da trovare un coraggioso che ci ha offerto la moto per andare a cena, ma evidentemente si fidava abbastanza visto che gli ha dato anche il permesso di impennare…) in un ristorante che chi aveva partecipato all’ultimo WDW già conosceva. Pizza per tutti ed un bel bicchiere di birra…. C’e chi ne ha dovuti prendere due perché il primo l’ha rovesciato sul tavolo e sulla poltroncina… ed è la stessa fine che ho fatto io con il caffè! Dopo una ricca mangiata siamo andati a prendere un gelato di quelli fatti proprio bene! Dire che era buonissimo non rende l’idea! Dopodiché ci siamo fatti una bella passeggiatina digestiva a viale Ceccarini e uno stop su delle panchine in fondo alla via. C’era anche la musica che veniva da un palco allestito nella piazza alla fine della via, e dopo aver visto l’esibizione di “tango” di Mimmo e Dorina ce ne siamo andati tutti al campeggio per riposarci…. O meglio pensavamo di riposarci! Ma prima delle due non c’è stato verso di dormire! Appena arrivati al campeggio ci siamo resi conto che nella nostra piazzola non eravamo più soli… si erano accampati anche tre ragazzi tedeschi. E indovinate un po’ dietro a quale tenda avevano montato la loro??? Dietro alla mia e di Paolo! E dopo vari strilli di Paolo in “Inglese”, se così possiamo chiamare la lingua che ha usato se né uscito con una frase che ci ha fatto morire tutti dalle risate, cito testualmente:” A YURGEN NOI VOLEMO DORMI’”. La nottata da li in poi è stata tranquilla, anche perché dopo le varie risate siamo crollati tutti dal sonno. Il risveglio è stato molto meno piacevole… Saretta e Sandro si sono resi conto di aver dormito per terra perché il loro materassino si era sgonfiato durante la notte, il mio e di Paolo la stessa fine, Claudia non ce lo aveva proprio il materasso ma ci ha detto di esserci abituata a dormire per terra!
A Betta e Max la dormita è andata bene… per quanto riguarda Walter non so dirvelo perché al nostro risveglio non c’era già più! Usciti dalle tende abbiamo scoperto che ci stavano raggiungendo Lallo con Lalla e Matteo con Michela. Dopo che Max li è andati a prendere e gli ha mostrato il campeggio dove alloggiavamo, e dopo che Sandro molto gentilmente ci è andato a prendere la colazione ci siamo messi fuori al bungalow degli unici 5 che avevano dormito comodamente a mangiare. Ci siamo preparati ed abbiamo raggiunto l’autodromo… GIORNO 2 (12/06): Il sabato è stata la giornata più entusiasmante di tutte e tre, piena di cose da vedere e da fare. La mattina siamo stati impegnati a seguire il “pilota” che seguivano Paolo con Stefano, che doveva fare le prove libere. Mentre gli altri sono stati impegnati a guardare gli stuntman. Dopo un pranzo veloce abbiamo gironzolato per l’autodromo fino a che tutti quanti abbiamo deciso di andarci a fare un bel bagnetto rinfrescante in piscina verso le 14:30. In pratica con un quarto d’ora abbiamo fatto uscire tutti dall’acqua! Abbiamo occupato la piscina in un secondo! Abbiamo fatto il panico tra schizzi e pallonate a tutti i presenti. Dopo una bella doccia verso le 18:00 siamo tornati in autodromo per vedere il giro in pista dei piloti della SBK e le gare d’accelerazione. Uno spettacolo da togliere il fiato. Non tutti purtroppo hanno potuto assistere allo spettacolo ma come buona sostituta di Stella ho fatto un milione di foto e anche i video a tutto! Siamo stati vicinissimi a piloti formidabili, agli idoli di tutti i motociclisti,faccio i nomi: Bayliss, Checa, Hayden, Michel Fabrizio, Stoner, Haga. Alcun di noi hanno potuto fare foto da molto vicino, addirittura c’è chi è riuscito a farsi foto insieme ai piloti! Dopo quasi un’ora di spettacolo ci hanno offerto la cena (se così possiamo chiamarla! Mezza piadina con una salsiccia arrotolata dentro!). I piloti, nel frattempo che noi mangiavamo, venivano presentati sopra il palco allestito all’interno dell’autodromo. Quando stavano andando via li hanno trasportati con dei motorini e al passaggio di Bayliss vicino a noi Betta ha rischiato di staccargli una spalla per salutarlo! Dopo aver mangiato Claudia ha notato uno stand alla fine dell’autodromo con luci psicadeliche è musica a volume altissimo… Siamo andati tutti a ballare fino alla chiusura dell’autodromo! Abbiamo avuto l’onore di avere in pista con noi il sig. Tacchia. Al mattino seguente si è pentito amaramente dei suoi salti in pista visto che ha dovuto prendere l’anti dolorifico per il dolore alla caviglia. GIORNO 3 (13/6): Dopo aver fatto colazione abbiamo smontato le tende e caricato tutto sulle moto e nella macchina di Stefano. Dopo aver caricato tutto nel furgone e fatti tutti i saluti gli scoordinati hanno ripreso la strada per casa. Un piccolo intoppo con la frizione di Sandro ma il viaggio del ritorno in fin dei conti è andato bene. Il rientro mio e di Paolo è stato ritardato di qualche ora perché siamo tornati con Stefano. Bè, come dire, posso solo ringraziare tutte le persone che sono state così gentili da accompagnarci in questa avventura davvero fantastica. Tre giorni veramente bellissimi. Mi sono resa conto che oltre ad essere un motoclub è anche una bellissima grande famiglia. Un ringraziamento particolare a Max e Betta e un grazie anche a tutti i partecipanti.

Paolo & Bikerina88